ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"

Un’invasione di bruchi visibile dallo spazio

Condividi questo articolo:

L’esplosiva infestazione dei bruchi di falene zingare sta attaccando molti alberi del Nord Est degli USA

È un vero e proprio boom demografico di bruchi di falena zingara quello che ha colpito il New England e gli stati del Medio Atlantico, un’invasione talmente ampia che risulta visibile dallo spazio. Le immagini satellitari di Rhode Island, possibili grazie all’Earth Observatory della NASA, mostrano quanta parte della regione delle foreste stiano mangiando i bruchi: vanno per alberi a foglie caduche e distruggono (ecco le foto).

Nelle immagini satellitari si vedono aree completamente marroni, che sono quelle dove i bruchi hanno bivaccato, mangiando tutto. Le poche zone verdi che sono rimaste sono le conifere che invece evitano. Ci sono alcuni fattori che hanno portato a questo boom: innanzitutto – come raccontano gli ecologisti – il declino della popolazione dei topi dai piedi bianchi che sono i predatori tipici di questi bruchi; in secondo luogo, la siccità che ha colpito la regione e che ha indebolito un fungo e un virus che di solito non permettono ai bruchi di diventare infestanti e poi, come sempre, i cambiamenti climatici.

Gli scienziati non sono preoccupati – almeno per ora. Di solito queste invasioni creano solo un ambiente molto più marrone di quello che dovrebbe essere la superficie boschiva d’estate. Solo se l’invasione dura più di tre anni gli alberi potrebbero morire. Ma ci si aspetta che arrivino gli uccelli in aiuto per arrestare il fenomeno – anche perché quando cresce la popolazione dei bruchi cresce anche la loro. Fino a quando gli alberi non sono in pericolo non c’è da preoccuparsi, ma in ogni caso si deve tenere la situazione sotto controllo.

Questo articolo è stato letto 303 volte.

bruchi, Falene, insetti

Comments (10)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net