ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Satnam Singh, Calderone: "Dichiariamo guerra al caporalato, più controlli e ispettori"-Giovagnoni (Sirm): "Con Ai diagnosi radiologica più precisa, precoce e sicura"-Startup, Digithon 2024: da 5 a 7 settembre la più grande maratona digitale italiana, focus sull'Ia-Bus precipitato a Mestre, la perizia: "Lo sterzo si è rotto"-Mes, Giorgetti: "Ratifica a breve impossibile, a lungo dipende. Chiederla ora è buttare sale su ferita"-Incidente sul lavoro, 35enne muore incastrato in un macchinario-Atp Halle, Bolelli e Vavassori in finale nel doppio-Satnam Singh, dal Viminale permesso di soggiorno a vedova del bracciante morto a Latina-Cosa c'è veramente dietro il cielo giallo di questi giorni?-"Talento e impegno per la radiologia", medaglia d'oro a Schillaci, Malagò e Bracco-Radiologia medica, l'innovazione è nell'intelligenza artificiale-Lite Ramazzotti-Virzì, procura di Roma avvia indagine-William compie 42 anni, re Carlo diffonde la foto col principe bambino-Ucraina-Russia, se Occidente investe risorse Putin perderà la guerra: l'analisi-'6 minuti per farla innamorare', Illycaffè presenta il cortometraggio che celebra il caffè come gesto d'amore-Napoli, scontro tra due moto a Torre Annunziata: un morto e 3 feriti gravi-Ascolti tv, Spagna-Italia domina la prima serata-Covid Italia, dati ultima settimana: incidenza casi più alta nel Lazio-Fegato e leucemia mieloide, Prix Galien Italia 2024 a Servier per cura target-E' morta Vera Slepoj, la psicologa e scrittrice aveva 70 anni

Scienze: perche’ a volte arrossiamo quando ci guardano negli occhi?

Condividi questo articolo:

A volte ci capita di arrossire quando ci guardano dritto negli occhi. Diversi studi scientifici provano a spiegarci quali sono i processi cognitivi alla base di questo contatto visivo diretto

A volte ci capita di arrossire quando ci guardano dritto negli occhi. Vi siete mai chiesti perché succede? Diversi studi scientifici provano a spiegarci quali sono i processi cognitivi alla base di questo ‘contatto visivo diretto’.

La prima ricerca, portata avanti dal Laboratory of Psychopathology and Neuropsychology dell’Università di Parigi, prende innanzitutto in considerazione che il contatto visivo tra due persone implica una rielaborazione mentale dell’immagine del proprio corpo, una sorta di empatia visiva per cui ci vediamo attraverso gli occhi dell’altro/a, che diventano uno specchio per il nostro corpo. Ciò può farci provare imbarazzo o addirittura fastidio. 

Uno studio condotto dall’Università di Tokyo però, aggiunge che l’effetto ‘rossore’ del contatto visivo, avviene soprattutto da una differenza di ‘genere’ (come spesso ci capita di constatare nella vita comune di tutti i giorni): la donna arrossisce generalmente più dell’uomo, soprattutto quando si trova in compagnia di qualcuno che le piace.

Un altro studio, pubblicato due anni fa su Biology Letters dai ricercatori inglesi dell’Università di Saint Andrews, indagando questo fenomeno tramite termografia, aveva inoltre dimostrato che il rossore compare soprattutto in tre regioni facciali (area periorbitale, naso e bocca) e si scatena quando lo sguardo diretto negli occhi dell’altra persona entra poi ‘reciprocamente’ in contatto con particolari zone del corpo: braccia, palmo delle mani, viso o petto.

Ad ogni modo, molti ricercatori concordano sul fatto, che il contatto visivo oltre a coinvolgere maggiormente due persone di sesso opposto, sia un tipo di interazione profondamente influenzata anche dagli aspetti culturali: se si guarda fisso negli occhi una ragazza giapponese ad esempio, questa verrà messa sicuramente in imbarazzo perché, come dimostrato da uno studio dello scienziato Hironori Akechi, il contatto visivo in Giappone è culturalmente meno tollerato che in Occidente. Questo perché in Giappone la comunicazione è impregnata di ambiguità e silenzi (regola dell’aimai), e la ricerca di un contatto visivo diretto con gli occhi, rappresentando una rivelazione diretta dell’altra persona, costituisce un tabù sociale.

C’è infine l’aspetto fisiologico da considerare. Una risonanza magnetica funzionale del cervello, ha da tempo dimostrato che il contatto visivo attiva quello che viene chiamato ‘cervello sociale’, che si sviluppa già nei primi giorni di vita di una persona alla vista di volti familiari, come quello della mamma. I neonati mantengono più a lungo lo sguardo su chi li guarda negli occhi, rispetto a chi invece li guarda solo in volto. Anche da adulti riconosciamo prima chi ci guarda negli occhi e lo sguardo diretto innesca fenomeni fisiologici più accentuati rispetto quando siamo guardati indirettamente (variazioni di conduttanza cutanea o battito cardiaco).

(ml)

Questo articolo è stato letto 328 volte.

cervello, corpo, neonati, occhi, specchio, viso

Comments (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net