Flash News:
Post title marquee scroll
Pubblicità: Dal Sasso (Nielsen), 'calo 2020 a doppia cifra ma non fino a -20%'-Fi: Carrara, 'sia partito lavoro e impresa'-Pubblicità: Sassoli (Upa), ‘imprese reattive e creative di fronte a emergenza coronavirus’-Milano: oltre 500 furti, denunciati 5 dipendenti di Poste Italiane-Fase 2: Toti, 'vergognose parole Saviano, diffamata intera categoria'-Pubblicità: Sassoli (Upa), ‘fase di prognosi riservata, spero in rapida ripresa consumi’-Scuola: Fioramonti, 'passo avanti dopo ritardi ingiustificabili'-Fase 2: Sassoli (Upa), ‘favorire ripresa consumi, far arrivare soldi promessi’-**Scuola: Crimi, 'con concorso merito e competenza, no compromessi a ribasso'**-Smart Working anche nel settore legale con VGS Lawyers-Migranti: Gatti (Open Arms), 'con escamotage si fermano navi umanitarie e si bloccano i soccorsi'-Migranti: Gatti (Open Arms), 'con escamotage si fermano navi umanitarie e si bloccano i soccorsi' (2)-Fca, Cida: 'Prestito Sace è salvaguardia sistema produttivo'-Mater Olbia ospedale 'Covid free', oltre 150 interventi e 185 ricoveri-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini'-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (2)-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (3)-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini'-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (2)-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (3)

Nel mare, entro il 2050, ci sarà più plastica che pesce. Ecco cosa fare nel nostro piccolo per cambiare

Condividi questo articolo:

La plastica è un problema e se ne ricicla solo una minima parte nel mondo

Secondo una ricerca del World Economic Forum, dal 2050, i mari di tutto il mondo rischieranno di essere popolati più da materie plastiche abbandonate che da pesci.

Questo ovviamente se non cambieremo i nostri stili di vita. La plastica ormai è un materiale presente ovunque, soprattutto negli imballaggi. Materiale che viene buttato: un dato che significa valore economico perso e soprattutto inquinamento.

In mare finirebbero 8 milioni di tonnellate di plastica ogni anno dato che solo il 14% degli imballaggi viene riciclato. Per avere un’idea più concreta, è come se un camion della spazzatura gettasse un carico di plastica in mare ogni minuto.

Come cambiare questo processo? Il riciclo è importante, ma bisogna anche saper arrivare alla radice del problema: il rifiuto non va proprio creato! In molti casi basterebbe poco, pensiamo a quanto packaging inutile ricopre i prodotti che compriamo ogni giorno.

Prendiamo esempio da questa ragazza che conduce una vita a ‘rifiuti zero’.

Vediamo un caso concreto, una piccola scelta che può farci risparmiare plastica: il detersivo alla spina. Pensate a quanti flaconi si utilizzano ogni anno.

Pensiamo anche all’acqua: molti comprano le bottiglie perché amano l’acqua frizzante, ma si può metterla in tavola anche senza consumare tutta quella plastica. Ad esempio sistemi come Sodastream consentono di rendere gasata la normale acqua del rubinetto.

Così facendo si evitano lo spreco e il trasporto di inutili carichi di pesanti bottiglie.

Esistono anche degli imballaggi ‘auto conservanti’, che sono biodegradabili e riducono il bisogno di conservanti contribuendo alla diminuzione delle allergie

 

 

Questo articolo è stato letto 9 volte.

detersivo alla spina, flaconi, mare, plastica, riciclaggio, rifiuti, sodastream

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net