ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Giustizia: presidente C. Appello Milano, 'violenza bande giovanili aggravata da lockdown'-Giustizia: presidente C. Appello Milano, 'violenza bande giovanili aggravata da lockdown' (2)-Scuola, Costarelli (presidi Lazio): "Al II contagio pochissimi vaccinati seguono in presenza"-Scuola, Crimì (Forum famiglie): "Genitori hanno paura, vaccinati a II contagio stanno a casa"-Quirinale: Calenda, 'Sardine? Non ci facciamo mancare nulla...'-Tennis: Australian Open, Rublev ko al 3° turno con Cilic-Giustizia: corte Appello Milano, 'enorme aumento cause lavoro per stipendi bassi'-Quirinale: Lollobrigida, 'Fdi per Presidente che difenda interessi nazionali'-Calcio: Italiano, 'Vlahovic? Non vedo l'ora che finisca il mercato'-Calcio: Balotelli ritrova l'azzurro, sarà convocato per lo stage di fine gennaio-Calcio: Balotelli ritrova l'azzurro, sarà convocato per lo stage di fine gennaio (2)-**Quirinale: domani alle 15 assemblea grandi elettori Leu**-Quirinale: Fontana, 'auspico soluzione in tempi brevi, importante unità centrodestra'-Giustizia: Fontana, 'per riacquistare credibilità abbandonare spettacolarizzazioni'-Calcio: Bonafede, 'solidarietà a arbitro Di Meo, revenge porn reato da perseguire'-Quirinale: report Spin factor-Adnkronos, Draghi 'star' sui social, 63,98% di citazioni-Quirinale: report Spin Factor-Adnkronos, Letta primo per sentiment tra leader sui social-Quirinale: report Spin factor-Adnkronos, Salvini il leader più citato su social, Letta secondo-Notizie Flash: 1/a edizione - Lo sport-Notizie Flash: 1/a edizione - Lo sport (2)

Estate al mare: tutti i diritti del bagnante

Condividi questo articolo:

Non possonoimpedirci l’accesso a nessuna spiaggia. Andiamo al mare consapevoli dei nostri diritti con questa guida

Quando siamo in vacanza al mare dobbiamo rilassarci, ma non dimenticare i nostri diritti. Come bagnanti possiamo far valere le regole che ci tutelano perché i furbetti, sulle spiagge, sono molti.

Ci sono domande che spesso ricorrono come: si può fare il bagno o passeggiare sul bagnasciuga senza pagare il biglietto di ingresso allo stabilimento? E utilizzare la propria sdraio o il proprio ombrellone sulla spiaggia libera attrezzata? Come e a chi denunciare un abuso?

I Verdi, per rispondere a tutti questi dubbi, hanno presentato il “Manuale di autodifesa del bagnante”, uno strumento che ogni cittadino può (e deve!) utilizzare per far valere i propri diritti con tutte le indicazioni su come comportarsi per difendere i litorali.

Il dubbio più classico sorge quando non ci fanno entrare nello stabilimento per andare al mare, vogliono farci pagare il biglietto o ci impediscono di stazionare temporaneamente per fare un bagno sulla battigia antistante l’area compresa nella concessione. Ricordiamoci che abbiamo il diritto di entrare gratuitamente, raggiungere il mare per la via più breve o che ci indicheranno, e decidere se fare il bagno posando i nostri indumenti, prendere il sole o passeggiare lungo la battigia. In caso di resistenza, ricordano i Verdi, possiamo ricordare al personale dello stabilimento che sta violando la legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 251, che stabilisce “l’obbligo per i titolari delle concessioni di consentire il libero e gratuito accesso e transito, per il raggiungimento della battigia antistante l’area compresa nella concessione, anche al fine della balneazione”. E che rischia una denuncia.

E se vogliamo vedere il mare, magari fuori stagione, ma lo stabilimento è chiuso? Non c’è alcuna legge che permette a qualcuno di impedire l’accesso al mare fuori della stagione balneare. Pertanto i gestori devono lasciare la possibilità d’accesso, e se trovate chiuso è l’occasione di denunciare l’accaduto ai Vigili Urbani, e alla Capitaneria di Porto.

Questo articolo è stato letto 275 volte.

diritti bagnante, Manuale di autodifesa del bagnante, mare, verdi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net