ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Caos Procure: Salvini, 'non chiedo nulla a Mattarella, fiducia in sua valutazione'-M5S: ex grillini all'Ars, 'Non aderiremo alla maggioranza, continuiamo a decurtarci stipendi'-Ue: Battelli a Fornero, 'no donne in audizione? Invitate Lagarde e Von der Leyen' (2)-Governo: P.Chigi, ipotesi rimpasto fantasiosa, squadra è unita e compatta-M5S: ex grillini Ars, 'saremo ago bilancia in aula, finire legislatura in maniera dignitosa'-Caos Procure: Salvini, 'non credo a complotti ma legge sia uguale per tutti'-'La ripartenza del calcio italiano', evento online del Csb il 3 giugno-**M5S: Foti, 'obbligati a lasciare il movimento perché non eravamo liberi di pensare'**-Fase 2: Salvini, 'giusta cautela ma si dica che Italia è sicura per tutti'-M5S: Foti, 'lascio il movimento che ha tradito il suo programma, solo comunicati stampa'-M5S: Foti, 'lasciando non abbiamo tradito né gli elettori né il movimento'-Coronavirus: Salvini, 'se Fontana in Procura allora convocare anche Conte'-Coronavirus: Salvini, 'vergognosa convocazione Fontana in Procura'-Fase 2; Salvini, 'si parta tutti insieme da lunedì o dal 3 giugno'-**M5S: cinque deputati Ars lasciano il movimento e fondano 'Attiva Sicilia'**-Fibra ottica di Open Fiber raggiunge Ragusa, investimento da 8 mln-Dal mal di schiena all’artrite reumatoide: l’urgenza non è solo il Covid-19-Fase 2: Musumeci, 'la Sicilia sarà una regione a turismo speciale'-Covid19: funziona davvero l'idrossiclorochina?-Coronavirus: procura Bergamo convoca Bonometti su mancata zona rossa

Bonifica amianto

Condividi questo articolo:

Scade il 30 aprile il bando del Ministero dell’Ambiente con dotazione finanziaria complessiva di 6,018 milioni di euro

Le amministrazioni pubbliche hanno tempo fino al 30 aprile per inviare al Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare la richiesta di finanziamento per la bonifica dall’amianto degli edifici pubblici.

Il bando, con una dotazione finanziaria complessiva per l’anno 2018 di 6,018 milioni di euro, stabilisce che venga data priorità agli edifici scolastici e alle situazioni di particolare rischio (amianto friabile) ed è rivolto a tutte le amministrazioni dello Stato, ivi compresi gli istituti e scuole di ogni ordine e grado e le istituzioni educative, le aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane e loro consorzi e associazioni, le istituzioni universitarie, gli Istituti autonomi case popolari, le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni, tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale.

Per informazioni: https://www.amiantopa.minambiente.ancitel.it

Il bando non trova la totale approvazione dell’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, che ha dichiarato:

«Si tratta di una misura largamente insufficiente, innanzitutto perché con importi esigui, sia nella globalità che per ogni singolo intervento (15.000 euro), e perché circoscritta agli edifici pubblici. Non è così che si risolve il problema amianto in Italia, tenendo conto che la fibra killer provoca ogni anno più di 6000 decessi per mesotelioma, asbestosi, cancro polmonare e altre patologie asbesto correlate, con costi non inferiori a 600.000.000 euro l’anno per le sole spese sanitarie, e 1.000.000.000 considerando tutti gli altri oneri, oltre all’inaccettabile tributo in termini di vite umane e di sofferenze immani per i malati e i loro familiari. Insistiamo perché si dia corso alla discussione della nostra proposta di legge, elaborata dal Dott. Nicola Forte, per le detrazioni fiscali/bonus fiscale, per le bonifiche, dei 40.000.000 di tonnellate di materiali di amianto presenti nel territorio nazionale».

Per consulenza e assistenza 800 034 294 (Osservatorio Nazionale Amianto) oppure: www.osservatorioamianto.com/assistenza-legale.

Questo articolo è stato letto 9 volte.

amianto, bando, pubbliche amministrazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net