ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
2 giugno: Bernini, 'appello Mattarella condivisibile, altri no'-Fase 2: Boccia, 'Paese torna a vivere, domani ci si sposta tra Regioni'-Governo: domani Conte a rapporto Soer su ambiente in Ue e Italia-Fase 2: Pd a Patuanelli, 'su innovazione no a misure spot'-Sicilia: sette escursionisti soccorsi a Pizzo Manolfo-2 giugno: Candiani (Lega), ‘in piazza contro i soprusi provvedimenti legge del governo’-Usa: Milan aderisce a protesta social e chiede giustizia per Floyd-2 giugno: M5S, 'da centrodestra sfregio a Repubblica, offesi italiani'-Ponte Messina: Miccichè, 'Renzi e Franceschini lo vogliono? Sappiamo tutti che non si farà...'-Ponte Messina: Miccichè, 'Renzi e Franceschini lo vogliono? Sappiamo tutti che non si farà...' (2)-2 giugno: Gallera in piazza, 'vergognoso attacco a Lombardia e a sistema sanitario'-2 giugno: Mulé (Fi), 'bene appello Mattarella a unità, ma governo lo ignorerà'-2 giugno: Fico, 'ferite Codogno di tutti italiani, giusto ricordare oggi vittime'-2 Giugno: Fico, 'ripartenza da scuola e sanità, da lì ricostruiamo Paese'-2 Giugno: Fico, 'Parlamento accetti sfide, ridisegni futuro Paese'-Sicilia: Miccichè, 'manifestazione contro Samonà e Lega una sciocchezza, demagogia pura'-Fi: Miccichè, 'in Sicilia è un altro partito rispetto al resto Italia, chi è andato via non aveva voti'-2 giugno, centrodestra in piazza a Roma-Calcio: giocatori Inter chiedono giustizia per Floyd-Caos procure: Lega Giovani, flash mob davanti tribunale Tribunale per 'toghe pulite'

51 anni dal disastro del Vajont. Tutela territorio e’ priorita’

Condividi questo articolo:

A 51 anni dal disastro del Vajont, in cui morirono 1.917 persone

 

51 anni dal disastro del Vajont: era il 9 ottobre del 1963 alle ore 22.39, quando un’enorme frana staccatasi dal Monte Toc si riversò nel bacino artificiale della SADE adiacente alla diga, sollevando un’onda talmente grande che causò la morte di 1.917 persone nella valle di Longarone e di Erto e Casso.

In occasione della memoria di questa tragedia, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ci ha tenuto a ricordare che ‘La tutela del territorio non puo’ essere delegata soltanto agli ‘altri’, solo a chi governa ma deve essere impegno quotidiano e cura di tutti’.

‘E’ difficile trovare parole, anche dopo 51 anni, per un dolore che non passa. E che ritroviamo li’, ogni anno, prigioniero di quei duecentosessanta milioni di metri cubi di roccia che spazzarono via cinque paesi e uccisero 1.910 persone. Longarone, Pirago, Rivalta, Villanova, Fae’: nomi scolpiti nella memoria nazionale. Ma la memoria non basta. Ed e’ per questo motivo che Longarone e il Vajont sono stati tra i punti di partenza anche della mia campagna per le primarie. Quando ho ascoltato le testimonianze dei sopravvissuti al disastro ho sentito risuonarmi dentro due sole parole: mai piu’. Longarone e’ un monito. Ma la memoria, dicevo, non basta e non bastano i moniti: a noi e’ chiesto di prevenire. Perche’ il sacrificio di quelle vite e di quei territori non diventi vano’, ha scritto Matteo Renzi in un messaggio inviato al sindaco di Longarone, Roberto Padrin.

gc

Questo articolo è stato letto 1 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net