ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Brasile, strage nella favela di Rio: i morti sono 28-Libia: sindaco Mazara, 'incontrerò i ministri Di Maio e Guerini'-**Libia: al porto di Mazara anche i Carabinieri della Scientifica per i rilievi sul peschereccio**-Libia: peschereccio Aliseo entra al porto di Mazara-Libia: Aliseo scortato da una motovedetta dalla Guardia costiera-Libia: il comandante Giacalone ferito con una vistosa fasciatura sulla testa-Libia: atteso a Mazara l'arrivo del peschereccio 'Aliseo' attaccato dalla Guardia costiera libica-**Covid: ieri 505mila vaccini, oltre 23 mln dosi somministrate da inizio campagna**-Infortuni: Gambardella (Cisl Basilicata), costituire tavoli di crisi sulla sicurezza-Covid: Draghi, da Ue 80% export vaccini, altri Paesi rimuovano blocchi, bene Biden-Covid: Draghi, a big pharma ingenti risorse pubbliche, restituiscano a chi ha bisogno-Covid: Draghi, se ben congegnata deroga brevetti non è disincentivo per chi produce-Covid: la via di Draghi sui brevetti, 'deroga a tempo e stop blocco export vaccini'-Covid: la via di Draghi sui brevetti, 'deroga a tempo e stop blocco export vaccini' (2)-Giustizia: Salvini, 'referendum un aiuto a Draghi, nessuna sfiducia verso Cartabia'-Ue: Sassoli, 'nessuno resti indietro, ora tocca a noi'-Covid: Von der Leyen, 'ragioniamo ma deroga brevetti non risolverà problema'-Cinema: Verducci, 'rivedere criteri accesso tax-credit per produzioni indipendenti'-Petrolio: a New York chiude in rialzo a 64,90 dollari-Covid: Von der Leyen, 'ragioniamo ma deroga brevetti non risolverà problema' (2)

Usi Facebook al lavoro? Rischi il licenziamento. Ecco cosa dice la sentenza della Cassazione

Condividi questo articolo:

Il datore di lavoro può chiedere il licenziamento se il dipendente abusa dell’utilizzo della rete a fini privati durante l’orario di lavoro

Sbirciate Facebook dal computer dell’ufficio? Succede a molti… Questo obiettivamente sottrae tempo da dedicare al lavoro e per questo l’azienda, in alcuni casi, può ‘presentare il conto’. Tecnicamente, chi naviga per i fatti suoi, guarda le foto degli amici o chatta, sta ‘violando il patto di fiducia che lega il dipendente all’azienda’.

Questo significa che se le ore perse sono molte e il dipendente non dà peso ai richiami del datore di lavoro si può arrivare alle estreme conseguenze: il licenziamento.

Lo ha stabilito una sentenza della Corte di Cassazione: il datore di lavoro può controllare la cronologia della navigazione su internet e stamparla, senza per questo ledere la privacy del lavoratore, che non può opporsi.

Per passare al licenziamento, il datore di lavoro deve dimostrare che il tempo sottratto all’azienda è elevato.
Comunque non si può stabilire una soglia, perché ogni caso deve essere valutato nella sua specificità.
Nel caso in questione si erano contati 6mila accessi a internet per motivi privati in diciotto mesi. Di questi, 4.500 erano stati effettuati solo su Facebook: significa 16 accessi al giorno su tre ore di lavoro.

 

Questo articolo è stato letto 10 volte.

facebook, lavoro, ufficio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net