La scomparsa del granchio delle nevi in Alaska

Condividi questo articolo:

La diminuzione della presenza di questo animale in Alaska è probabilmente causata dal cambiamento climatico

I granchi delle nevi dell’Alaska vivono nelle gelide acque dell’oceano vicino alla costa dell’Alaska, dove si svolgono ogni anno i raccolti lucrosi, con sbarchi commerciali che solo nel 2020 sono stati valutati oltre 101,7 milioni di dollari.

Tuttavia, questo settore si è arrestato bruscamente quando, per la prima volta nella storia, il Consiglio per la pesca dell’Alaska e il Consiglio di gestione della pesca del Pacifico settentrionale hanno annullato il raccolto di granchi delle nevi nel periodo 2022-2023 a causa dei bassi livelli di popolazione.

La popolazione di granchi delle nevi è crollata da otto miliardi nel 2018 a un solo miliardo nel 2021, secondo Benjamin Daly, un ricercatore del Dipartimento di Fish and Game dell’Alaska, in un’intervista alla CNN.

Il riscaldamento delle acque

Le autorità hanno citato l’eccesso di pesca come causa dell’annullamento del raccolto, ma gli scienziati hanno notato che sono in gioco diversi altri fattori significativi, tra cui il surriscaldamento dei mari e degli oceani, che sta portando diverse specie marine a muoversi sempre più a nord.

L’Artico è una delle regioni che sta subendo uno dei riscaldamenti più veloci al mondo, colpendo l’habitat relativamente ristretto del granchio delle nevi. Essi trascorrono il loro tempo in acque fredde leggermente superiori a 0 º C, che li protegge dai predatori che non possono tollerare tali condizioni frigide. Ma il riscaldamento globale sta causando la lenta scomparsa di queste regioni fredde e di conseguenza sta mettendo a rischio la vita dei granchi che per difendersi devono emigrare.

La pesca intensiva

Oltre al riscaldamento delle temperature oceaniche che stanno sostituendo gli habitat delle acque fredde, un altro fattore che sta mettendo a rischio questa specie è la pesca intensiva: i granchi delle nevi vengono involontariamente catturati da altre attività di pesca e diventano catture accessorie e collaterali.

La pesca eccessiva è anche considerata un fattore importante che ha drasticamente ridotto le dimensioni della popolazione della specie. Catturare più granchi del numero definito dalle regolamentazioni potrebbe portare a un collasso da cui la popolazione non riuscirebbe a riprendersi fino ad arrivare al rischio estinzione.

Luna Riillo

Questo articolo è stato letto 16 volte.

Alaska, granchio delle nevi, pesca intensiva, riscaldamento degli oceani, scomparsa granchio delle nevi

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net