pesci ultraneri

Dagli abissi profondi pesci ultra-neri

Condividi questo articolo:

pesci ultraneri

16 nuove terribili specie marine in grado di assorbire il 99,956% della luce

Un team di biologi marini ha scoperto 16 nuove specie di terrificanti creature marine scovate nelle acque profonde che non riflettono quasi nessuna luce, riferisce Wired, che decide di fare un gioco di parole con il materiale ultra-nero Vantablack e di chiamarli “vantafish”.

La biologa marina Karen Osborn è rimasta stupita quando ha cercato di fotografare, per motivi di catalogazione, un anaplogaster, terrificante mostro degli abissi con zanne enormi. Il pesce, infatti, sembrava assorbire quasi tutta la luce che le sue apparecchiature subacquee riuscivano a fare, lasciando solo sagome inquietanti.

“È come guardare un buco nero”, ha detto Alexander Davis, biologo della Duke University e autore principale di un articolo sul pesce pubblicato su Current Biology.

Alcune delle specie appena scoperte sono così scure che assorbono il 99,956% della luce che le colpisce.

“Non avevamo idea che ci fossero dei pesci ultra-neri”, ha detto Davis a Wired. “Per quanto ne sapevamo, gli unici vertebrati che erano ultra-neri erano questi uccelli del paradiso e un paio di altre specie di uccelli”.

“Si tratta della prima volta che troviamo qualcosa per cui questo nero viene utilizzato anche per il camuffamento”, ha aggiunto.

Le acque profonde degli oceani, in realtà, sono molto più luminose di quanto si possa pensare: anche se ci potrebbe essere poca o nessuna luce naturale che penetra per centinaia di metri di acqua, nelle profondità ci sono creature e batteri bioluminescenti che producono molta luce da soli.

È molto probabile, quindi, che sia proprio a causa della presenza di questa luce che, per evitare di farsi riconoscere mentre inseguono la loro preda o mentre scappano da altri predatori, questi pesci ultra-neri sono così neri.

Per riuscire a diventare tanto scuri, questi pesci hanno strati speciali di melanosomi, minuscole strutture cellulari piene di melanina – lo stesso pigmento naturale che colora la pelle umana – che disperdono i fotoni in arrivo e gli impediscono di essere visti.

 

Questo articolo è stato letto 17 volte.

abissi marini, pesci, ultraneri, vantafish

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net