ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Coronavirus: a Termini Imerese un cittadino positivo al Covid, 64 in isolamento-2 giugno: celebrazioni anche a Palermo, Prefetto depone corona a monumento caduti-Terremoto, scosse nel fiorentino-L'adolescenza ribelle dei cani-Ambiente: Caretta (Fdi), 'sbagliato stop a caccia moriglione e pavoncella'-Zangrillo: "Seconda ondata virus? Nessuno lo sa, immaginiamo di no"-Coronavirus: Zangrillo, 'paura era giustificata, ai ragazzi dico di usare cautela'-Coronavirus: Zangrillo, 'paura era giustificata, ai ragazzi dico di usare cautela' (2)-**Coronavirus: Zangrillo, 'ho rispetto per Cts ma noi non siamo 'poveri clinici'**-Coronavirus: Zangrillo, 'seconda ondata? Nessuno lo sa, immaginiamo di no'-Fase 2: guasto alla piscina Cozzi, si allaga nel giorno della riapertura-Coronavirus: Salvini, 'bene Mattarella, non usare sofferenze per attacchi politici'-Brescia: sindaco Del Bono scrive a Collebeato dopo spari a Sprar, 'fare luce' (2)-2 giugno: Fontana, 'domani sarò con Mattarella, grazie per essere qui'-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (2)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (3)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (4)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (5)-2 giugno: Mattarella, emblema ripartenza, le parole a concerto per vittime Coronavirus (6)

Cosa devono fare i delfini per poter mangiare?

Condividi questo articolo:

I delfini hanno iniziato a rompere le reti da pesca, visto che le ingenti quantità di pesce che vengono catturate gli tolgono la possibilità di nutrirsi

La situazione per i pesci non è buona: i dati parlano chiaro. L’aumento degli sforzi di pesca negli ultimi 50 anni e le pratiche di pesca non sostenibili hanno portato la situazione allo stremo: scrive il World Wildlife Fund che «oltre il 30% delle attività di pesca nel mondo è stato spinto oltre i propri limiti biologici e necessita di rigidi piani di gestione per ripristinarli».

Il punto è che questo non è solo un problema per i pesci che vengono pescati, è un disastro anche per le specie che il pesce lo mangiano. Come i delfini, per esempio, che si sono dovuti ingegnare per sopperire alla mancanza di cibo. E cosa hanno fatto, allora?
Come si muove un mammifero marino pur di mangiare? Arriva a rompere le reti da pesca, ecco come si muove.

E infatti, così hanno fatto e continuano a fare i delfini che vivono a nord di Cipro: lo racconta un nuovo studio pubblicato sulla rivista «Human Ecology» che racconta come le reti da pesca abbiano sei volte più probabilità di rompersi quando ci sono loro nei dintorni.

Gli scienziati della University of Exeter hanno spiegato che l’impatto dei delfini sulle attività di pesca al largo di Cipro e la pesca eccessiva nel Mediterraneo hanno creato un «circolo vizioso» di delfini e pescatori in competizione per la diminuzione delle scorte. Le reti rotte comportano migliaia o addirittura decine di migliaia di euro all’anno di perdita economica per i pescatori e il pericolo che i delfini ci restino impigliati e vengano catturati crea un’alta allerta per la sopravvivenza della loro popolazione – perfino i dissuasori acustici progettati per scoraggiarli sono stati inefficaci, anzi, hanno funzionato al contrario, attirando l’attenzione degli animali marini come una campanella per il pranzo.

Insomma, una situazione che è importante affrontare e risolvere in fretta perché è un problema da ogni punto di vista.

Questo articolo è stato letto 1 volte.

delfini, pesci, rischio estinzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net