ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Airbnb: ripresa viaggi più veloce del previsto, nuova campagna assunzioni-Inps: Lollobrigida, 'nessuna risposta da Tridico, lui e Conte si dimettano'-Inps: Tridico, 'Isee miglior mezzo per conoscere stato patrimoniale cittadini'-Inps: Tridico, 'comunicato al Cda azione antifrode il 30 maggio, non i nomi'-Energia, è online la nuova newsletter Gme-Bielorussia, ancora proteste. L'appello: "Basta violenze"-Ue: Eurostat, commercio internazionale, a giugno surplus di 21,2 mld in zona euro-Scuola, presidi: "Distanziamento non obbligatorio? Tanto rumore per nulla"-Estate rovente al Bioparco di Roma, ecco i rimedi per gli animali-**Bankitalia: a giugno entrate tributarie a 26,2 mld (-19,9%), in primi 6 mesi -10,3%**-Coronavirus: Pisapia, 'pacchetto di misure comuni per trasporto aereo'-Viviana Parisi, la ricostruzione e le ipotesi del legale-Dj morta: cugino e legale marito, 'perché Viviana è salita sul traliccio, forse cercava Gioele?'-Dj morta: cugino e legale marito, 'Viviana voleva andare alla Piramide della Luce'-Dj morta: cugino e legale marito, 'Viviana voleva andare alla Piramide della Luce' (2)-Dj morta: appello tra le lacrime del papà di Gioele, 'Amo mio figlio, aiutatemi a trovarlo'-Dj morta: zia bambino su luogo ricerche, 'vado da sola a cercare Gioele' (2)-Francia: a luglio inflazione sale a +0,8%, +0,4% su mese-Dj morta: zia bambino su luogo ricerche, 'vado da sola a cercare Gioele'-Dj morta: sensitive vogliono collaborare con inquirenti, 'possiamo dare una mano per Gioele'

Italia: acqua contaminata distribuita a 700mila persone

Condividi questo articolo:

In Italia è stata distribuita a 700mila persone acqua contaminata, anche a scuole ed ospedali

 

Una notizia che non vorremmo mai dare: è stata distribuita a 700mila persone acqua contaminata. ‘L’acqua contaminata è stata distribuita in un vasto territorio e a circa 700 mila persone senza controllo e persino a ospedali e scuole’, denuncia l’Istituto Superiore di sanità, che ha analizzato per l’Avvocatura dello Stato le acque contaminate dalla mega discarica di veleni tossici nel pescarese. ‘La qualità dell’acqua è stata indiscutibilmente significativamente e persistentemente compromessa’, si legge nella Relazione dell’ISS depositata agli atti del processo di Chieti dove sono indagati i vertici di Montedison dopo l’inchiesta del Corpo Forestale. Il guasto ‘per effetto dello svolgersi di attività industriali di straordinario impatto ambientale in aree ad alto rischio per la falda acquifera e per le azioni incontrollate di sversamento’, spiega il documento.

‘La mancanza di qualsiasi informazione relativa alla contaminazione delle acque con una molteplicità di sostanze pericolose e tossiche, solo una parte delle quali potrà essere tardivamente e discontinuamente oggetto di rilevazione nelle acque, ha pregiudicato la possibilità di effettuare nel tempo trattamenti adeguati alla rimozione delle stesse sostanze dalle acque’, si legge nella relazione di 70 pagine che i consulenti tecnici dell’Avvocatura dello Stato Pietro Comba, Ivano Iavarone, Mirko Baghino e Enrico Veschetti hanno stilato sulla vicenda della mega discarica di veleni industriali di Bussi e sulla contaminazione delle falde acquifere della Val Pescara. ‘Del significativo rischio in essere non è stata data comunicazione ai consumatori che pertanto non sono stati in condizioni di conoscere la situazione ed effettuare scelte consapevoli’.

 

Gli elementi non lasciano dubbi: ci sono ‘incontrovertibili elementi oggettivi coerenti e convergenti nel configurare un pericolo significativo e continuato per la salute della popolazione esposta agli inquinanti attraverso il consumo e l’utilizzo delle acque’, afferma l’Istituto Superiore della Sanità.

gc

Questo articolo è stato letto 3 volte.

acqua, acqua contaminata, Istituto Superiore di Sanità, sanità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net