ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Il vero segreto dell’eterna giovinezza? Una mela

Condividi questo articolo:

Una cellula che dura nel tempo ed è in grado di rigenerarsi e di rigenerare le cellule della nostra pelle. Sembra un elisir di lunga vita, ed invece è stata scoperta in una particolare qualità di mela. Gli esperti stanno già studiando come metterla al servizio della cosmesi naturale

La mela non è solo uno dei frutti che meglio si conservano (possono essere consumati anche molti giorni dopo la raccolta, ed ancora possono essere trasformati e conservati) ma aiuta a combattere i segni del tempo sulla pelle, rendendo quasi realizzabile il sogno di una giovinezza eterna.

È risaputo che si tratta di un alimento a basso contenuto calorico, ricco in vitamine, che aiuta a calmare la fame. Una specie in particolare, la Uttwiler Spatlauber, è conosciuta per la longevità delle sue cellule madre, che compiono un importante ruolo nella rigenerazione dei tessuti di qualsiasi organismo.

Ed agli esperti di cosmesi naturale non è sfuggito questo potenziale. Sono in corso ricerche per creare alcuni prodotti antiaging con la mela come materia prima. Gli studi hanno dimostrato che le cellule madre della mela proteggono le cellule della pella, aumentano la vita delle cellule madre della pelle e incrementano la loro vitalità.

Le cellule influiscono nel dna umano e ritardano l’invecchiamento, favorendo semplicemente alcuni processi naturali di rigenerazione. Questi trattamenti sono consigliati sia per le pelli mature che per quelle giovani con tendenza alle rughe. Un’alternativa al bisturi e alla chirurgia plastica per combattere il tempo, che si nasconde nei misteri della madre natura.

(Gfc)

Questo articolo è stato letto 29 volte.

antietà, bellezza, cosmesi, giovinezza, salute, trattamenti naturali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net