ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana-Crollo Firenze, ingegneri: "Subappalto a catena ostacolo all’attuazione del piano sicurezza"

Dop e Igp, i marchi che fanno dell’Italia un grande paese

Condividi questo articolo:

L’Italia è il Paese leader in Europa per numero di Dop, Igp e Stg attribuite alle produzioni alimentari. Una conferma di una adeguata politica per la qualità

Moltissimi prodotti di tipica produzione italiana sono accompagnati da una parola che ne spiega l’origine: il pomodoro di Pachino, il parmigiano Reggiano, il culatello di Zibello, il lardo di Colonnata, l’aceto balsamico di Modena. Non si tratta di un vezzo, ma di una scelta ben precisa che fa parte della politica per la qualità di cui il nostro Paese si è fatto sostenitore e di cui anche l’Europa, ormai, è pienamente convinta.

Per comprendere quello che si mangia è necessario sapere dove quell’alimento è stato prodotto: a questo servono le “IG”, Indicazioni Gegografiche, i biglietti da visita con cui le produzioni di eccellenza di presentano, soprattutto all’estero. I marchi di qualità rappresentano una garanzia per il consumatore, ma anche per il produttore che può fregiarsi di un riconoscimento internazionale. Sì, perché le IG – che si suddividono in DOP (Denominazione di Origine Protetta), IGP (Indicazione Geografica Protetta) e STG (Specialità Tradizionale Garantita) – sono attribuite dalla Commissione europea ai prodotti che rispettano i rigorosi disciplinari produttivi.

L’Italia è il paese leader per numero di marchi di qualità tra tutti i paesi europei, segno concreto che la qualità del nostro sistema produttivo è una realtà riconosciuta dall’Europa.

Giacomo Gallo

Questo articolo è stato letto 12 volte.

dop, europa, IGP, qualità, STG

Comments (10)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net