ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Musica: Pinguini Tattici Nucleari, 'il gioco di squadra ci ha reso quelli che siamo'**-Itinerari previdenziali, per 79,2% italiani redditi fino a 29mila euro, pagano solo 27,57% di tutta Irpef-Itinerari previdenziali, su 13% contribuenti peso 60% Irpef-Cuzzilla (Cida), 'sempre meno lavoratori sostengono peso crescente pressione, inaccettabile'-Dc: Prodi, 'Bianco aveva visione, passione e cultura, è stato un protagonista'-Ucraina: Francia primo paese a sostenere creazione tribunale per crimini russi-**Governo: Meloni, 'Italia mosaico territori da potenzialità straordinarie'**-Mattarella: 'Transizione non è più passaggio tra epoche ma cammino costante '-Governo: Meloni, 'visione di lungo periodo per costruire Italia del dopodomani'-Ischia: Fontana, 'Lombardia continua a investire molto per contrastare dissesto'-Esg Challenge Iren 2023, 12 sfide per lo sviluppo sostenibile-Manovra: Letta, ‘senza visione come un Dl aiuti e inno a evasione fiscale’-Dc: Letta, ‘Bianco uomo libero e coraggioso, gli dobbiamo molto’-Ucraina: licenziato ingegnere Zaporizhzhia accusato di collaborazionismo-Manovra: Foti (Fdi), 'indebitamento massimo è già stato raggiunto'-Jobtech: la startup chiude aumento di capitale da 6 mln di euro-Manovra: Letta, ‘incontri con parti sociali confermano giudizio negativo’-Ischia: anche il secondo corpo estratto è di un uomo-Ucraina: Mosca, 'Finlandia e Svezia non più non allineati, ora sono periferia della Nato'-Ucraina: Usa, contratto da 1,2 mld per produzione 6 sistemi missilistici Nasam

Spreco di cibo, parte la campagna di Fao e Unep

Condividi questo articolo:

Sollecitare consumatori, distribuzione e governi a cambiare la “cultura degli sprechi alimentari”. È l’obiettivo dell’operazione lanciata da Fao e Unep denominata “Think. Eat. Save.”

Lo spreco di cibo è un problema di non poco conto, con il quale conviviamo con una certa assuefazione. Ora arriva “Think. Eat. Save.”. Questo il titolo della campagna globale lanciata dalla Fao e dall’Unep – programma nazioni unite per l’ambiente, con il contributo di altri partner, per ridurre gli 1,3 miliardi di tonnellate di cibo che vanno sprecati ogni anno con azioni semplici. Secondo la Fao, ogni anno circa un terzo di tutto il cibo prodotto a livello globale, per un valore approssimativo di mille miliardi di dollari, viene sprecato. Le perdite maggiori si registrano a livello della produzione, ma gli sprechi si concentrano nella distribuzione e nel consumo.

L’iniziativa sullo spreco di cibo, rivolta ai consumatori, alla distribuzione, ai governi e all’industria turistica, mira ad ottenere una significativa riduzione degli sperperi. Non si tratta di una questione di solo carattere etico ed economico, bensì anche ambientale.

Il direttore generale della Fao, Jose’ Graziano da Silva, ha dichiarato: ”Insieme, possiamo ribaltare questa inaccettabile tendenza e migliorare le condizioni di vita. Nei paesi industrializzati circa metà di tutto il cibo viene dissipato, perché produttori, distributori e consumatori eliminano alimenti che sono ancora buoni per essere consumati. Questo è più del totale netto della produzione alimentare dell’Africa Subsahariana, e sarebbe sufficiente a nutrire i circa 870 milioni di persone che soffrono la fame nel mondo”.

(dp)

Questo articolo è stato letto 11 volte.

alimentazione, cibo, consumatori, distribuzione, fao, spreco di cibo, unep

Comments (2)

  • … [Trackback]

    […] There you can find 51466 additional Info to that Topic: ecoseven.net/alimentazione/news-alimentazione/spreco-di-cibo-parte-la-campagna-di-fao-e-unep/ […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net