Dieta? Stoviglie e tovaglie rosse aiutano a mangiar meno

Condividi questo articolo:

Stoviglie e tovaglie rosse aiutano a migliorare la dieta, con ovvi risultati sulla linea. Lo hanno affermato alcuni ricercatori dell’Università di Basilea, in Svizzera

Siete a dieta? Il rosso a tavola aiuta a dimagrire. Sembra una voce di corridoio, uno scherzo. Eppure la fonte è autorevole. Il Sole 24 Ore ha pubblicato ieri i risultati della ricerca condotta dall’Università di Basilea, in Svizzera. Piatti e posate di color rosso ci invitano a mangiare porzioni più piccole. Con un conseguente dimagrimento. Ma non solo. I bicchieri rossi aiutano a dire stop a vino e bevande gassate. Anche qui con ovvi effetti sulla linea, e sulla lucidità.

La ricerca su questa dieta ‘colorita’, pubblicata originariamente su Appetite, ha riguardato 109 persone, alle quali è stato chiesto di servirsi da piatti di tre colori diversi, rossi, blu e bianchi. Tutti i piatti, sembra scontato dirlo, contenevano la stessa pietanza: ciambelle salate. Tutti coloro che sono stati indirizzati a servirsi dal piatto rosso si sono accontentati di metà porzione. Ma nessuna differenza è stata riscontrata sulla soddisfazione del gusto.

Analogo esperimento è stato condotto con le bevande. A 41 studenti volontari è stato chiesto di bere acqua fino a dissetarsi, in maniera tale che tutti potessero partire con la stessa sensazione di appagamento.Sono state quindi servite loro delle bevande dolci in bicchieri blu o rossi. Chi ha usato il bicchiere rosso ha sorseggiato il 40% in meno delle bevande.

E allora cari lettori, vale la pena provarci. Buona dieta a tutti!

(GC)

Questo articolo è stato letto 76 volte.

come perder peso, dieta, il rosso a tavola fa dimagrire, perder peso con il rosso a tavola, stoviglie e posate rosse

Comments (7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net