ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Giornalisti: cdr Il Giornale, 'dimissioni Sallusti? Al momento nessuna conferma'**-**Covid: in Lombardia 13 morti e 1.396 positivi**-Dl Covid: Ronzulli, 'bene scudo penale e obbligatorietà vaccini per personale sanitario'-**Tennis: Internazionali Bnl, Nadal si salva con Shapovalov e approda ai quarti**-Coni: Bellutti, 'è stato grande onore poter dare voce a chi non si sente rappresentato'-**Scuola: Suor Monia Alfieri, 'cv studente? Va migliorato per non incrementare diseguaglianze'**-Roma: Madia, 'spero si stoppi farsa ricerca donna-figurante per le primarie'-Al via II edizione 'Kinderometro' indagine su evoluzione rapporto genitori e figli-**Ciclismo: Giro d'Italia, Mader vince 6a tappa, Attila Valter nuova maglia rosa**-Roma: Gualtieri pubblica foto con Cirinnà, 'insieme per Capitale diritti, ecologia, lavoro'-Omofobia: Gasparri, 'limitare ddl Zan a violenze e discriminazioni'-Giustizia: Serracchiani, 'riforme in Parlamento con tutti e senza bandierine'-Gruppo Cap: al via patto collaborazione con Comune Milano per quartiere di via Rimini-Gruppo Cap: al via patto collaborazione con Comune Milano per quartiere di via Rimini (2)-Gruppo Cap: al via patto collaborazione con Comune Milano per quartiere di via Rimini (3)-Atletica: Jacobs fa 9.95 a Savona, record italiano dei 100 metri-Al via II edizione 'kinderometro' indagine su evoluzione rapporto genitori e figli-Mo: Cuppi, 'pace con accordo internazionale chiaro e condiviso'-Giustizia: Malpezzi, 'le riforme si fanno in Parlamento'-**Giornalisti: Sallusti si dimette dal Giornale dopo 12 anni**
cosa mangiavano i nostri antenati

Come mangiavano i nostri antenati 800 anni fa?

Condividi questo articolo:

cosa mangiavano i nostri antenati

Nei frammenti di ceramiche medievali la risposta

Grazie alla collaborazione tra un team di scienziati dell’Università di Bristol e un gruppo di archeologi di Oxford Archaeology, sono state trovate le prime prove di una dieta religiosa rinchiuse all’interno di frammenti di ceramica trovati nei luoghi della comunità ebraica altomedievale di Oxford.

Il kosher è una delle diete più antiche conosciute in tutto il mondo e, per un ebreo osservante, il mantenimento di queste leggi alimentari (note come Casherut) è una parte fondamentale della vita quotidiana e di ciò che lo identifica come ebreo, sia all’interno della sua comunità che verso il mondo esterno.

Durante gli scavi nel quartiere ebraico di Oxford, gli archeologi hanno trovato una struttura in pietra, identificata come una latrina e datata tra la fine dell’XI e il XII secolo.

Un notevole assemblaggio di ossa di animali è stato portato alla luce in questa latrina, dominata da pollame domestico (principalmente oche) e con una completa assenza di ossa di maiale, suggerendo una dieta kosher.

Le lische di pesce comprendevano solo specie come le aringhe – che sono kosher. Questa combinazione di specie suggerisce una firma alimentare ebraica, identificata per la prima volta nella zooarcheologia britannica e solo per la terza volta nell’Europa medievale.

Per indagare se gli abitanti delle due case analizzate stessero seguendo una dieta ebraica, il team ha utilizzato un approccio chimico e isotopico combinato per identificare e quantificare i residui di cibo assorbiti nei vasi medievali trovati nel sito.

I loro risultati, pubblicati di recente sulla rivista Archaeological and Anthropological Sciences, hanno mostrato che i recipienti ebraici erano usati solo per cucinare carni di bovini, ovini e caprini.

Le prove per la lavorazione dei suini erano del tutto assenti.

Si tratta del primo studio nel suo genere che è stato in grado di identificare la pratica di mantenere il kosher, utilizzando antichi residui di cibo trovati nelle pentole. La speranza è che questo apra la strada a studi simili in futuro.

 

 

Questo articolo è stato letto 67 volte.

cibo degli natenati, cosa mangiavano gli antenati, dieta religiosa, ebrei, frammenti di ceramiche medievali, Kosher

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net