ULTIMA ORA:
allattamento pfas

Che cosa sono i PFAS e perché provocano problemi con l’allattamento?

Condividi questo articolo:

allattamento pfas

Trovato un collegamento tra alti livelli di PFAS e problemi di allattamento al seno

Uno studio su 1.286 donne in gravidanza ha scoperto che quelle con alti livelli di sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) nei loro corpi avevano il 20% in più di probabilità di interrompere precocemente l’allattamento al seno.

La ricerca, pubblicata nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, ha anche scoperto che i PFAS influenzano gli esiti della gravidanza, la crescita e lo sviluppo nella pubertà dei nascituri e altri aspetti della salute riproduttiva.

I PFAS sono sostanze chimiche sintetiche comunemente utilizzate in materiali resistenti all’olio e all’acqua.

I prodotti comuni che possono contenere PFAS includono tappeti, tessuti e pentole. Sebbene comuni nel campo della produzione, i PFAS sono pericolosi per il corpo umano perché queste sostanze chimiche non si degradano facilmente e quindi si accumulano nel tempo.

La dott.ssa Clara Amalie Gade Timmermann, co-autrice dello studio e professore presso l’Università della Danimarca meridionale a Copenhagen, ha spiegato nel comunicato stampa che i risultati ottenuti dallo studio sono molto importanti e devono essere presi sul serio, visto che quasi tutti gli esseri umani sul pianeta sono esposti ai PFAS e ai rischi associati alla sostanza chimica.

Lo svezzamento precoce indesiderato“, ha detto Timmerman, “è stato tradizionalmente attribuito a fattori psicologici, che sono senza dubbio importanti, ma si spera che la nostra ricerca aiuti a spostare l’attenzione e a evidenziare che non tutte le madri possono allattare nonostante le buone intenzioni e il sostegno della famiglia e degli operatori sanitari“.

I ricercatori hanno analizzato campioni di sangue e raccolto informazioni sulle abitudini di allattamento di ogni partecipante tramite questionari e messaggi di testo settimanali.

È a partire da questi dati che hanno scoperto che le donne con alti livelli di PFAS avevano maggiori probabilità di interrompere l’allattamento al seno in anticipo.

Poiché l’allattamento al seno è fondamentale per promuovere la salute sia del bambino che della madre, gli effetti negativi dei PFAS sulla capacità di allattare al seno possono avere conseguenze sulla salute a lungo termine“, ha affermato Timmermann.

Questo articolo è stato letto 15 volte.

allattamento, PFAS, problemi allattamento

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net