Carburanti piu’ green grazie al software che valuta il loro impatto ambientale

Condividi questo articolo:

Il software BIOLCA e’ stato sviluppato grazie al progetto europeo LIFE+ e aiutera’ a ridurre l’impatto ambientale dei combustibili utilizzati nel settore dei trasporti

I carburanti saranno più verdi e meno inquinanti grazie ad un apposito software in grado di riconoscere il loro effettivo impatto ambientale. E’ questo, in sintesi, lo scopo del progetto europeo ‘LIFE+’, per raggiungere gli obiettivi stabiliti al 2015 e 2021 di riduzione dell’impatto inquinante del settore dei trasporti.

Produrre auto sempre più efficienti e combustibili meno inquinanti è quindi una delle priorità del programma, che ha quindi sviluppato il nuovo software (denominato ‘BIOLCA’) in grado, nello specifico, di valutare gli impatti ambientali, sociali ed economici associati a diverse fonti di alimentazione del settore trasporti come benzina, diesel, bioetanolo, biodiesel, energia elettrica, gas naturale, GPL e kerosene, calcolandone l’impatto ambientale sull’intero ciclo di vita, dall’estrazione, generazione o coltivazione fino all’utilizzo.

Il software ‘BIOLCA’, è  attualmente legato ad una fase di test sperimentali sui mezzi della società spagnola di gestione rifiuti ‘CESPA’, che possiede una flotta di 18 autocarri per la raccolta della spazzatura. Non appena terminati tutti i test di verifica, il software sarà pronto per essere rilasciato sul mercato, aiutando  sia i produttori che le imprese ad ottenere importanti risparmi sull’efficienza e sull’impatto ambientale del carburante da utilizzare. Per maggiori informazioni sul programma ‘LIFE+’ e sul software ‘BIOLCA’ è possibile consultare il documento pdf del progetto.

(ml)

Questo articolo è stato letto 4 volte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net