ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Biocarburanti: energia pulita dall’erba di Miscanthus

Condividi questo articolo:

Grazie agli studi del Centro australiano The Plant Phenomics Center, l’erba di Miscanthus potrebbe presto diventare il biocarburante del futuro per le nostre auto

Produrre energia pulita dall’erba di Miscanthus. Stiamo parlando di una nuova fonte di approvvigionamento energetico che con molta probabilità diventerà il biocarburante del futuro. Il Miscanths, con i suoi tre metri di altezza, è considerata un tipo di erba ‘gigante’ tipica del continente asiatico. Tradizionalmente è stata sempre usata a scopo decorativo ed ornamentale, ma ora, grazie al centro di ricerca australiano ‘The Plant Phenomics Centre‘, questa pianta potrebbe diventare presto una fonte di carburante pulito per le nostre auto.

A differenza dei carburanti fossili infatti (che si formano in milioni di anni), la pianta di Miscanthus cresce ogni anno, garantendo al pari di qualsiasi altra biomassa, una fonte rinnovabile di materiale organico. Tra i suoi usi energetici, il Miscanthus può essere bruciato direttamente con basse emissioni di CO2 (fonte termica), oppure essere convertito in etanolo.
L’unico problema di questa pianta, è che necessita di enormi quantità di acqua per essere coltivata in quantità industriali. Il lavoro del Centro di ricerca australiano è quindi fondamentale per capire in che modo la pianta gestisce le risorse d’acqua e trovare una soluzione alternativa a questo problema. Gli scienziati, impegnati sull’analisi fisiologica del Miscanthus, si augurano di poter ricreare presto una versione artificiale della pianta, diminuendo drasticamente il suo fabbisogno idrico.

(ml)

Questo articolo è stato letto 12 volte.

biocarburante, emissioni, energia, energia pulita, pianta, pulita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net