ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Ricicloni si diventa: la situazione attuale sul riciclo dei rifiuti in Europa

Condividi questo articolo:

I dati Eurostat parlano di riutilizzo fino al 69% dei rifiuti urbani in Austria, esempio virtuoso tra i Paesi europei. Segue la Germania con il 65%, Olanda e Belgio quasi a pari merito con un 60% del recupero. L’Italia è al 45%, mentre Francia e Inghilterra sono sotto la media U.E. I meno “ricicloni” sono i danesi con 802 chili di pattumiera prodotta procapite

L’Italia, nella produzione di rifiuti che interessa mediamente ogni singolo individuo, arriva fino a 567 chili. Poco al di sopra dei 524 chili di cui parlano i dati Eurostat. La Danimarca, in testa con i suoi 802 chili è seguita dall’Irlanda che ne produce 733, Cipro con 770 e Lussemburgo con 701. Germania, Inghilterra e Spagna si collocano sui 600 chili mentre la Francia con 543 chili è poco al di sotto di noi. Un bell’esempio la Repubblica Ceca che con 306 chili è ben al di sotto della media europea.

E’ proprio il caso di dire, con tutti questi chili procapite, che una dieta, anche nella produzione di rifiuti non farebbe male ai cittadini europei. L’aiuto può venire certamente dai nuovi sforzi fatti nello studio e realizzazione di nuovi packaging ecologici, come nella diffusione delle buste biodegradabili. Molto si può fare con il recupero e riutilizzo delle biomasse e dei rifiuti sotto forma di compost. Ma nel non sprecare – alimenti in testa – e nel separare i rifiuti, sta certamente la nuova ricetta dimagrante contro i chili di rifiuti accumulati anno dopo anno. (Vincenzo Nizza)

Questo articolo è stato letto 2 volte.

eurostat, Italia, recupero rifiuti, riciclo dei rifiuti, ricicloni, rifiuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net