ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Gaza, "Usa chiedono a mediatori pressioni su Hamas per via libera a piano Biden"-Autonomia, su referendum tutte le opposizioni unite: pronti alla raccolta firme-Napoli, incendio sulla collina dei Camaldoli: fiamme lambiscono case-Fiori, bimbi e palloncini: la festa di Kim per Putin come un vecchio film sovietico-Grecia, incendi in tutto il Paese: dichiarato stato di massima allerta-M5S, monta l'insofferenza verso Grillo: "Beppe ci ha stufato"-Euro 2024, Germania-Ungheria 2-0: gol di Musiala e Gundogan-Maturità, il tema dei politici: Giorgetti per la 'guerra fredda', Ciriani e Zangrillo su Ungaretti-Europei scherma 2024, Errigo oro nel fioretto-Mobilità, Di Loreto (Bain&Company): "Oltre 70% spostamenti italiani si effettua in auto"-Mobilità, Vavassori (Anfia): "A due settimane da uscita incentivi, tiraggio molto buono"-Il trapper Shiva a processo: "In carcere compreso errori, voglio solo fare musica"-M5S, post Grillo scuote parlamentari. Baldino: "Non si torni indietro di 15 anni"-Mobilità, Ficili (Stellantis Italy): "Bene incentivi, governo sostenga transizione"-Mobilità, Viano (Aniasa): "Cambiata rotta su incentivi e tornato 100% noleggio"-Consulenti del lavoro: da consigli provinciali piena fiducia in operato Cno-Maturità, le voci contro nel primo giorno d'esame: "Le criticità di sempre"-Putin pilota e Kim navigatore, la coppia nella supercar - Video-Ermal Meta diventa papà, è nata la figlia Fortuna: "Il mio cuore non è mai stato così grande"-Il virologo Anthony Fauci: "Ancora penso che qualcuno possa uccidermi"

Usa, 11enne afroamericano chiama 911: polizia arriva e gli spara

Condividi questo articolo:

Washington, 25 mag. (Adnkronos/Washington Post) – Un undicenne afroamericano è stato ferito all petto da un agente in Mississippi che gli ha sparato dopo che il bambino aveva chiamato il 911 per proteggere la madre durante una lite domestica. La famiglia di Aderrien Murry e la comunità di Indianola ora chiede che l’agente venga licenziato.

Secondo la ricostruzione del legale della famiglia, l’agente di polizia Greg Capers era arrivato nella casa con la pistola in mano chiedendo a tutti i componenti della famiglia di alzare le mani, anche se la madre Nakala Murry gli aveva detto che non c’erano armi in casa.

Anche il piccolo Aderrien ha alzato le mani, ma l’agende ha sparato contro di lui colpendolo al petto. “Le sue parole sono state ‘perché mi ha sparato, che cosa ho fatto?'”, ha raccontato la madre. “Non c’è giustificazione per quello che ha fatto questo agente, Aderrien è stato ad un passo dal perdere la vita per il suo comportamento irresponsabile”, ha detto l’avvocato.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net