ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Ue: Amendola, ‘Con von der Leyen verso nuove sfide, ambizione e pragmatismo’

Condividi questo articolo:

Roma, 15 set (Adnkronos) – “L”Europa ha bisogno di un’anima e negli ultimi dodici mesi abbiamo cominciato a dare vita a queste parole’, come ha ricordato la presidente Ursula von der Leyen nel suo potente discorso. E’ vero: l’Unione europea ha scelto di agire insieme come una forza unica e, grazie a questo, ha compiuto grandi passi avanti, raggiungendo traguardi prima inimmaginabili, dalla campagna di vaccinazioni al Next Generation Eu”. Così il sottosegretario agli Affari europei Enzo Amendola a margine del discorso sullo stato dell’Ue della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen al Parlamento europeo, alla presenza della campionessa paraolimpica Bebe Vio.

“Ora non possiamo e non dobbiamo fermarci, l’Europa deve continuare a cambiare pelle. L’esempio ce lo danno i nostri giovani, penso al coraggio e alla determinazione di una campionessa come Bebe Vio e sono d’accordo con la proposta di dedicare loro l’anno europeo 2022. Occorre proseguire sul cammino delle riforme e dell’integrazione, con l’ambizione dimostrata dalla Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen. Le sfide del nostro futuro cominciano adesso e si chiamano Green deal, politiche economiche di coesione, sostenibilità ambientale e sociale, sicurezza e politica estera comune”, ha proseguito.

“I successi ottenuti dall’Ue nel campo della lotta al Covid e del rilancio della politica fiscale servano da stimolo per affrontare con altrettanta tenacia due capitoli fondamentali dell’Europa di domani: la transizione ambientale, tecnologica e sociale e il nuovo Patto sulle migrazioni. Sui dossier aperti lavoreremo con pragmatismo, senza arretrare”, ha concluso il sottosegretario.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net