ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"

Ucraina: ministro cultura, ‘da inizio guerra danneggiati 166 monumenti”

Condividi questo articolo:

Roma, 11 apr. (Adnkronos) – Dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina, gli occupanti russi hanno già danneggiato o completamente distrutto almeno 166 beni culturali. Lo ha riferito il ministro della Cultura e dell’informazione Oleksandr Tkachenko precisando che il numero di monumenti danneggiati o distrutti non è definitivo, poiché il ministero della Cultura non è attualmente in grado di documentare l’entità delle perdite nei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina.

“Non sappiamo ancora di alcuni oggetti, perché si trovano nei territori completamente occupati”, ha detto Tkachenko. Il Ministero della Cultura e della Politica dell’Informazione sta attualmente negoziando con i partner occidentali per istituire un fondo congiunto per restaurare il patrimonio culturale dell’Ucraina. “Ho parlato con il ministro della Cultura francese – ha detto in proposito Tkachenko – E abbiamo evidenziato la necessità di creare un fondo congiunto di paesi che ci sostengano e che si impegneranno nel restauro del patrimonio culturale in Ucraina dopo la vittoria. E’ una questione di estrema importanza, perché la prima cosa contro cui Putin sta combattendo, se non parliamo di persone, è contro la cultura, contro la nostra storia “.

Questo articolo è stato letto 5 volte.

Comments (9)

I commenti sono chiusi.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net