**Tv: Mario Giordano, ‘mia troupe aggredita con catene di ferro, siamo al far west’**

Condividi questo articolo:

Roma, 15 apr. (Adnkronos) – “La cosa che più mi ha impressionato è stata la durata dell’aggressione, la sua violenza, nel pieno centro di Cuneo. Come può una persona così, con una catena di ferro con in cima un lucchetto, e con un’arma così potenzialmente pericolosa che sfascia un ‘auto, picchia, non essere arrestata, mentre poi facciamo le multe ai bar o alle bocciofile? E’ surreale”. Mario Giordano racconta così all’Adnkronos, ancora impressionato, l’aggressione alla troupe della sua trasmissione, ‘Fuori dal Coro’, avvenuta domenica a Cuneo nel corso di un servizio sulle case occupate abusivamente, e che ha procurato 20 giorni di prognosi alla giornalista, ferita insieme ad uno dei due operatori.

“Da tempo -spiega il giornalista- stiamo cercando di raccontare il fenomeno, sempre più diffuso e impressionante, di queste persone che occupano abusivamente le case di legittimi proprietari. E come sempre facciamo, sentiamo la versione dei proprietari e cerchiamo di andare a sentire la versione delle persone che occupano, e che il più delle volte sono violente”. Il giornalista aggiunge anche un’altra riflessione: “In altri casi, come nel caso di Treviso, o nel caso di Cagliari (località dove la sua trasmissione ha svolto altri servizi su occupanti abusivi, ndr) è capitato che la casa di una signora sia stata occupata da un esponente sospetto sotto processo perché accusato di far parte della mafia nigeriana. Io mi domando come sia possibile che lo Stato tolleri queste situazioni di illegalità palesi”, affonda.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net