ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
William compie 42 anni, re Carlo diffonde la foto col principe bambino-Ucraina-Russia, se Occidente investe risorse Putin perderà la guerra: l'analisi-'6 minuti per farla innamorare', Illycaffè presenta il cortometraggio che celebra il caffè come gesto d'amore-Napoli, scontro tra due moto a Torre Annunziata: un morto e 3 feriti gravi-Ascolti tv, Spagna-Italia domina la prima serata-Covid Italia, dati ultima settimana: incidenza casi più alta nel Lazio-Fegato e leucemia mieloide, Prix Galien Italia 2024 a Servier per cura target-E' morta Vera Slepoj, la psicologa e scrittrice aveva 70 anni-Idrosadenite suppurativa, l’esperto: "Più attenzione a qualità della vita"-Atp Halle, Sinner contro Struff ai quarti: dove vedere il match in tv, orario-A Roma i funerali del generale Graziano, feretro avvolto dal tricolore - Video-Leucemia linfoblastica acuta, Prix Galien Italia 2024 ad Amgen per immunoterapia-Trump e il confronto tv: "Non sottovaluto Biden, persona degna con cui discutere"-Roma, corrispondente Reuters: "Ho atteso 50 minuti taxi e niente, Capitale non merita turisti"-Si avvicina al tavolo di un ristorante e bacia bambino sulla bocca, fermato 48enne-Gaza, Israele distrugge lanciarazzi a Khan Younis. Blinken avverte su escalation Libano-Flavio Briatore torna in Formula 1, sarà consigliere esecutivo team Alpine-Meteo estremo sull'Italia, tra super caldo e forti temporali: le previsioni-Terremoto in Grecia, sisma di magnitudo 4.3 a Creta-Uccide la moglie a coltellate dopo una lite, 77enne fermato a Cagliari

Toti chiederà revoca dei domiciliari, governatore tra destino politico e giudiziario

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – Giovanni Toti difende se stesso e il 'modello Genova' e il giorno dopo l'interrogatorio di otto ore davanti ai pm che lo accusano di corruzione per aver favorito alcuni imprenditori e voto di scambio per essere eletto, il governatore ligure non abdica ma prova a 'riabilitarsi' con la richiesta di revoca degli arresti domiciliari. A più di due settimane dalla misura scattata lo scorso 7 maggio, il presidente della Regione Liguria tenta di tirarsi fuori dall'angolo, prima rispondendo alle domande serrate del procuratore aggiunto Vittorio Miniati e dei pm Luca Monteverde e Federico Manotti, poi consegnando una memoria di 17 pagine che suona come un manifesto morale e politico, quindi rivendicando un ruolo pubblico a cui, in tanti, gli hanno chiesto di rinunciare.  "Presto presenteremo l'istanza al gip di revoca della misura cautelare, ma non ho ancora deciso quando" spiega il difensore Stefano Savi. Tornare libero è la prima condizione per il confronto con una maggioranza che potrebbe portare alle dimissioni che, in tanti, chiedono a gran voce e che Toti sembra non volere.  "Nel mio percorso politico ho sempre perseguito l’interesse pubblico" che si concretizza – scrive nella sua memoria – in un'apertura alle imprese che ha come "unica prospettiva la tutela dell’interesse collettivo". Ed è in questa chiave che va letta la volontà di modernizzare il porto di Genova, l'attenzione con cui monitora "e ove necessario sollecita il disbrigo delle pratiche, ovviamente nel pieno e trasparente rispetto della legge e delle procedure". Un'attenzione priva di discriminazione: tutti sono stati ascoltati, finanziatori del partito e non. E' questa la sua difesa a oltranza.  "Non ho mai travalicato le specifiche competenze degli enti e degli uffici preposti, mai ho ingerito nelle libere scelte e decisioni dei soggetti coinvolti mai ho fatto pressioni verso alcun soggetto, mai ho servito un interesse particolare in danno di quello collettivo". Una trasparenza rivendicata anche sotto il profilo dei conti. "Ogni euro incassato ha avuto una destinazione politica: nessun contributo ha prodotto arricchimento o utilità personale a me, agli altri appartenenti al mio partito o a terzi privati" sono le parole che consegna ai magistrati. E per fugare ogni minimo possibile sospetto, Toti spiega che l'attività politica ha conti correnti "dedicati e 'trasparenti', con strumenti di accredito e spesa tracciati, tracciabili e sempre rigorosamente documentabili". Si tratta di finanziamenti alla politica dunque e non 'mazzette' come sostiene la procura di Genova che contesta al governatore di aver incassato (tramite i comitati) circa 74mila euro dall'imprenditore Aldo Spinelli, anche lui agli arresti domiciliari, per garantirgli la concessione trentennale del terminal Rinfuse o interessarsi della privatizzazione della spiaggia pubblica di Punta Olmo.  E' sul restyling del porto, gli affari legati alla diga finanziata con il Pnrr, il finanziamento fatto da Francesco Moncada per sbloccare l’apertura di due punti vendita Esselunga (non indagata, ndr) a Sestri Levante e a Savona, i 195mila euro versati ai comitati elettorali dall’imprenditore dei rifiuti Pietro Colucci prima dell'ok all'ampliamento di due discariche in provincia di Savona che si concentrano le domande a cui Toti risponde punto su punto. Per ore, interrogato dai pm, offre precisazioni, ricostruisce i rapporti trasversali degli imprenditori con le altre forze politiche, incrocia le date dei bonifici con la sua agenda, respinge l’idea di essere debitore verso chi ha finanziato la sua politica, rimarca le decisioni collegiali sull'ammodernamento del porto e sostiene di non aver favorito Spinelli neppure per la spiaggia a Celle Ligure.  Ai magistrati, che gli contestano il voto di scambio, evidenzia i 380mila voti con cui vince le elezioni e come l'apporto di 400 preferenze della comunità Riesina "non è tale da turbare l'equilibrio democratico". La sua è una difesa alla sua morale e alla sua politica. In 17 dense pagine, in cui si dice pronto a collaborare per la verità sottolinea come "l'unica ragione del mio agire è stata quella di aiutare l'iniziativa privata per far crescere la Liguria" e come l'intervento nel porto sia stato solo per evitare guerre o contenziosi legali e bloccare un'attività che porta soldi nelle casse di Genova e dello Stato. Parole da governatore, di chi non vuole rinunciare, ma il destino politico di Toti, come quello giudiziario, è ancora tutto da decidere. —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

adnkronos, ultimora

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net