Sicilia: finanziamenti a coop lavoratori che rilevano imprese, caso a Scicli

Condividi questo articolo:

Palermo, 7 ago. (Adnkronos) – La volontà del legislatore nazionale, espressa col Dl “Rilancio” convertito in legge, di estendere l’operatività dei 32 consorzi fidi 106 italiani alla gestione di fondi pubblici per lo sviluppo economico, “trova un primo positivo riscontro nel consorzio fidi ConfeserFidi di Scicli, in provincia di Ragusa, che ha ottenuto dalla Regione Campania la gestione di un Fondo rotativo da un milione di euro (finanziato dal Por Campania Fse 2014-2020, Asse 1, Obiettivo Specifico 4, Azione 8.6.2) per erogare finanziamenti fino a 300mila euro in cinque anni a tasso zero a progetti di “Workers Buyout” nei quali dipendenti e disoccupati si organizzano in cooperativa per rilevare imprese in difficoltà o a rischio di interruzione dell’attività”.

Presso la sede ConfeserFidi di Napoli è stata firmata la prima operazione di finanziamento da 225mila euro, curata da Dario Sirugo, responsabile Area finanza agevolata di ConfeserFidi, che consentirà alla cooperativa “Assteas” di Montesarchio, in provincia di Benevento, costituita dai 17 ex dipendenti licenziati nel 2018 dallo stabilimento di laterizi e prodotti in calce Moccia, di completare la riconversione degli impianti rilevati, da produzione tradizionale a bioedilizia innovativa: grazie alla ricerca scientifica e all’esperienza delle figure professionali coinvolte, l’azienda ricaverà da argilla cruda e canapa mattoni e altri materiali edili ecologici in collaborazione con la cooperativa “Campanapa”, nonché vasi in argilla di alta qualità.

Sono intervenuti alla firma il presidente di “Assteas”, Nunzio Pino; il consigliere di amministrazione della coop, Fiorenzo Chirollo; e la responsabile commerciale dell’area Campania di ConfeserFidi, Rita Capitelli.

Questo articolo è stato letto 6 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net