ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Euro 2024, il 31 maggio azzurri a Coverciano: ecco i 30 convocati-"Non sembra lei", criticato anche il ritratto ufficiale di Kate Middleton-Formazione, Fond. Diasorin: al liceo scientifico G. Terragni primo premio concorso nazionale Mad for science-Leo, il cane cieco campione nella ricerca del tartufo: ecco la sua storia-Inps, Vittimberga: "Siamo ente previdenziale più grande d'Europa"-Roland Garros, sorteggiato il tabellone: Sinner esordisce con Eubanks, Musetti sfida Galan-Torna Rimini Wellness Off, il grande fuorisalone del fitness, del benessere e dello sport-Pertosse, allerta pediatri per epidemia: 3 morti da gennaio e +800% ricoveri-Gaza, chiesto mandato di arresto per Netanyahu e Sinwar: cosa succede ora-Futuramente, largo alle donne con la 'Fisica che ci piace'-'Pane&Nutella' progetto per valorizzazione tradizione italiana panificazione-Fisco, Quickfisco: "Nel 2023 aperte 492.176 nuove partite iva, 70% liberi professionisti e autonomi"-Sicilia, CIForma: "Serve rating enti di formazione e uno stretto controllo dei ccnl applicati"-Toblerone e Oreo 'protetti', maxi multa Ue da 337 milioni a Mondelez-Ucraina, Kharkiv ancora sotto le bombe. Russia minaccia Gb-Francia, continua caccia all'evaso: cercò di comprare fucili d'assalto in cella-Malattia di Crohn, ok Aifa a rimborsabilità in Italia di upadacitinib-Tumore della vescica, campagna 'In viaggio verso la prevenzione' a Milano, Bari e Roma-Thiago Motta, addio al Bologna: lo aspetta la Juve-Vespa compie 80 anni: "Ritiro? Decide mio 'editore' di riferimento, il Padreterno"

Scurati e il monologo sul 25 aprile cancellato, Patuanelli pubblica il testo

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – "Giacomo Matteotti fu assassinato da sicari fascisti il 10 di giugno del 1924. Lo attesero sotto casa in cinque, tutti squadristi venuti da Milano, professionisti della violenza assoldati dai più stretti collaboratori di Benito Mussolini". Inizia così il testo del monologo di Antonio Scurati, cancellato dal programma di Serena Bortone 'Che sarà', in onda stasera su Rai3, che il capogruppo del M5S al Senato, Stefano Patuanelli, ha pubblicato integralmente sul suo profilo Facebook.  "Giacomo Matteotti fu assassinato da sicari fascisti il 10 di giugno del 1924. Lo attesero sotto casa in cinque, tutti squadristi venuti da Milano, professionisti della violenza assoldati dai più stretti collaboratori di Benito Mussolini. L’onorevole Matteotti, il segretario del Partito Socialista Unitario, l’ultimo che in Parlamento ancora si opponeva a viso aperto alla dittatura fascista, fu sequestrato in pieno centro di Roma, in pieno giorno, alla luce del sole. Si batté fino all’ultimo, come lottato aveva per tutta la vita. Lo pugnalarono a morte, poi ne scempiarono il cadavere. Lo piegarono su se stesso per poterlo ficcare dentro una fossa scavata malamente con una lima da fabbro". "Mussolini fu immediatamente informato. Oltre che del delitto, si macchiò dell’infamia di giurare alla vedova che avrebbe fatto tutto il possibile per riportarle il marito. Mentre giurava, il Duce del fascismo teneva i documenti insanguinati della vittima nel cassetto della sua scrivania". "In questa nostra falsa primavera, però, non si commemora soltanto l’omicidio politico di Matteotti; si commemorano anche le stragi nazifasciste perpetrate dalle SS tedesche, con la complicità e la collaborazione dei fascisti italiani, nel 1944". "Fosse Ardeatine, Sant’Anna di Stazzema, Marzabotto. Sono soltanto alcuni dei luoghi nei quali i demoniaci alleati di Mussolini massacrarono a sangue freddo migliaia di inermi civili italiani. Tra di essi centinaia di bambini e perfino di infanti. Molti furono addirittura arsi vivi, alcuni decapitati". "Queste due concomitanti ricorrenze luttuose – primavera del ’24, primavera del ’44 – proclamano che il fascismo è stato lungo tutta la sua esistenza storica – non soltanto alla fine o occasionalmente – un irredimibile fenomeno di sistematica violenza politica omicida e stragista. Lo riconosceranno, una buona volta, gli eredi di quella storia?" "Tutto, purtroppo, lascia pensare che non sarà così. Il gruppo dirigente post-fascista, vinte le elezioni nell’ottobre del 2022, aveva davanti a sé due strade: ripudiare il suo passato neo-fascista oppure cercare di riscrivere la storia. Ha indubbiamente imboccato la seconda via". "Dopo aver evitato l’argomento in campagna elettorale, la Presidente del Consiglio, quando costretta ad affrontarlo dagli anniversari storici, si è pervicacemente attenuta alla linea ideologica della sua cultura neofascista di provenienza: ha preso le distanze dalle efferatezze indifendibili perpetrate dal regime (la persecuzione degli ebrei) senza mai ripudiare nel suo insieme l’esperienza fascista, ha scaricato sui soli nazisti le stragi compiute con la complicità dei fascisti repubblichini, infine ha disconosciuto il ruolo fondamentale della Resistenza nella rinascita italiana (fino al punto di non nominare mai la parola “antifascismo” in occasione del 25 aprile 2023)". 2Mentre vi parlo, siamo di nuovo alla vigilia dell’anniversario della Liberazione dal nazifascismo. La parola che la Presidente del Consiglio si rifiutò di pronunciare palpiterà ancora sulle labbra riconoscenti di tutti i sinceri democratici, siano essi di sinistra, di centro o di destra. Finché quella parola – antifascismo – non sarà pronunciata da chi ci governa, lo spettro del fascismo continuerà a infestare la casa della democrazia italiana".  —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

adnkronos, ultimora

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net