ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Corona "non è più pericoloso", restituito il passaporto-Al Gic di PIacenza in scena l'innovazione tecnologica e tutte le novità del comparto calcestruzzo-Covid, 72enne col virus per 613 giorni: 'eterni positivi' possibile motore di varianti-Ecco i politici di sinistra finanziati da 'Social Changes', società dell'ex guru di Obama-Università Tor Vergata, TVx Students' speech contest: vince Elisa Draghin-Campari Group, raddoppiata capacità produttiva di Aperol stabilimento Novi Ligure-Savino (Ordine Ingegneri): "Capire i bisogni dei clienti"-Bayern Monaco, Zidane in pole per panchina-Medicina, sindrome intestino irritabile e sistema cardiovascolare sono legati-"Non ha prodotto i risultati auspicati", stop della Rai al programma di Chiara Francini-Ucraina-Russia, Mosca "pronta a colloqui ma non con Zelensky"-Da Provenzano a Bonafoni, ecco i dem finanziati da 'Agenda' vicina a Soros-Bonifico istantaneo, vantaggi e rischi: occhio a revoca e costi aggiuntivi-Attacco hacker ai laboratori Synlab: sospese le attività in tutta Italia-Ai, Iannicelli (Ordine Ingegneri): "Fondamentale dare peso a metrologia scienza trascurata"-Kate Middleton "più popolare di Diana perché rifiuta il ruolo di vittima"-Nave Iuventa, dopo 7 anni tutti prosciolti: non c'era nessun favoreggiamento dell'immigrazione-Donne sottorappresentate negli studi clinici, l’infettivologa: "Con Hiv, più fragili"-Professioni, Salvini: "Trattamento economico migliore per ingegneri che lavorano per Pubblico"-Rai, accordo con Unirai: riconosciuto nuovo sindacato giornalisti

Scuola, Valditara: “Basta aggressioni a insegnanti, Stato si costituirà parte civile”

Condividi questo articolo:

Milano, 25 mar. – (Adnkronos) – “Ieri sono rimasto molto addolorato nel leggere che in due diverse scuole di Italia una professoressa e un preside sono stati aggrediti”. Così, intervenendo alla scuola politica della Lega, il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, annunciando di aver “per la prima volta a disposizione l’avvocatura dello Stato per l’insegnante presa a pallini” nella scuola di Rovigo. “Se uno si alza in piedi e mi prende a pugni un insegnante, io proporrò che il ministero si costituisca parte civile nel processo penale. E chi prende a pugni un insegnante avrà di fronte anche lo Stato che gli chiederà un danno di immagine. Lo sappia chi utilizzerà violenza verso un insegnante, un preside o chi lavora nella scuola. E ora di dare basta alle aggressioni. Voglio che tornino la serenità e la sicurezza nelle classi”, ha concluso Valditara.

“Dobbiamo fare un grande sforzo tutti insieme. Basta polemiche sciocche, basta insulti, basta strumentalizzazioni”, ha detto quindi Valditara aggiungendo: “Cerchiamo – ha esortato – di lavorare seriamente: se si ha buona fede, visione e intelligenza politica, io credo che le soluzioni si possano anche trovare congiuntamente”. “Se non si fa il ragionamento ‘tanto peggio, tanto meglio’ io credo che si possa fare il bene del Paese insieme, perché la scuola è di tutti e per tutti, perché l’Italia è di tutti”, ha affermato.

“Serve rispetto anche per i beni pubblici: pensate che nel 2021 nella scuole occupate a Roma ci sono stati 500.000 euro di danni, tra pc rubati e laboratori distrutti”, ha riferito ancora il ministro dell’Istruzione. “Durante le occupazioni entra chiunque, anche qua bisognerà trovare una soluzione, perché qualcuno possa risponderne, altrimenti paghiamo tutti, non solo i vandali che non hanno rispetto per i beni pubblici”, ha aggiunto.

“La sinistra che è ideologica e astratta, vorrebbe che si studiasse tutti materie culturali, poi lasciando a chissà quando la formazione professionalizzante, così avremo tanti altri disoccupati in aggiunta a quelli che già ci sono”, ha poi affermato Valditara, parlando alla scuola politica della Lega dell’alternanza scuola lavoro, “un tema che ci differenzia dalla sinistra”. Per il ministro “l’alternanza scuola lavoro in totale sicurezza è fondamentale, tanto è vero che nei paesi come Germania e Svizzera gioca un ruolo decisivo”. E su questo si gioca “un’altra grande sfida”.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net