**Scuola: mercoledì incontro Bianchi con sindacati, Turi (Uil) ‘per comunicazioni, siamo all’oscuro’**

Condividi questo articolo:

Roma, 22 feb. (Adnkronos) – I sindacati sono convocati mercoledì prossimo alle 9.30 dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi “per comunicazioni” che il Capo del Dicastero di viale Trastevere deve dare sulla scuola. Al tavolo in modalità on line saranno presenti Anp e Dirigenti scuola, Flc Cgil, Uil e Cisl scuola, Snals, Gilda Anief. “La questione è seria, dobbiamo capire il progetto del Governo. Siamo all’oscuro delle questioni che mercoledì saranno affrontate”, commenta ll’Adnkronos Pino Turi, segretario nazionale di Uil scuola che sul vaglio della necessità di interventi straordinari di sanità scolastica commenta: “che si pensi alla figura del medico scolastico o all’impiego della Protezione civile poco importa. Due sono i problemi da gestire: il tracciamento e le vaccinazioni”.

E un intervento sul calendario scolastico, con più chiusure in corso d’anno sul modello di altri sistemi come quello francese ed anglosassone e chiusura posticipata a fine giugno per rallentare il diffondersi del virus e recuperare le ore perse? “Se i dati dicono che le scuole non sono sicure, si chiuda e si recupererà più avanti, poi vedremo dove e come. Ma la salute innanzitutto. Calendarizziamo in modo diverso. Di quello si deve parlare – risponde – Si può recuperare a Pasqua, a fine giugno. All’estero si fermano per un maggior numero di giorni durante il periodo invernale. In Italia bisogna avere un progetto. Qui il vero problema è l’organizzazione del lavoro e delle città, che nessuno pensa di aggredire. Come per la scuola diffusa sul territorio: se ne parla da un anno ma non si è fatto nulla. Così per gli organici che sono insufficienti. Se non si agisce immediatamente non sarà salvato neanche il prossimo anno scolastico”.

Questo articolo è stato letto 7 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net