ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Riaperture palestre in zona gialla da 1 giugno-Grillo: avvocato di un indagato, 'sono innocenti, Bongiorno porti quel video ma sono perplesso...'-Grillo: avvocato di un indagato, 'sono innocenti, Bongiorno porti quel video ma sono perplesso...' (2)-Copyright: Fieg, 'bene recepimento direttiva, ora rapido esercizio della delega'-Covid: bozza dl, pass verde vale 6 mesi per guariti e vaccinati, 48 ore con test-**Grillo: Marcucci, 'Conte? Lascia perplessi, nessuna vera presa di distanza di M5S'**-Grillo: Provenzano, 'aberrante, ma alleanza con M5s dipende da evoluzione con Conte'-**Sky: Ibarra si dimette, lascerà a fine luglio**-Covid: bozza dl, dal 1/7 in zona gialla ok terme, parchi tematici e lunapark-Covid: bozza dl, da 1/7 in zona gialla tornano fiere, convegni e congressi (2)-Covid: bozza dl, previste sanzioni per chi falsifica pass verde, anche carcere-Roma: Zevi, 'le mie tre proposte per le primarie del centrosinistra'-Covid: bozza dl, scuola torna in presenza, superiori al 50% no deroghe da Regioni-Covid: bozza dl, deroghe a scuola in presenza solo per focolai virus-Covid: bozza dl, flessibilità per scuola, in zone gialle e arancione minimo 60% in presenza-Diritto autore: Siae, la direttiva copyright entra nell’ordinamento italiano-Ue: Stefano, 'legge delegazione in linea con obiettivi Next Generation Eu'-Covid: bozza dl, da 1/6 in zona gialla ristoranti anche al chiuso, consumo al tavolo fino alle 18-Covid: bozza dl, dal 26/4 in zona gialla torna calcetto, ok sport contatto ma no spogliatoi-Covid: bozza dl, in zona gialla da 15/5 piscine all'aperto, da 1/6 tornano palestre

Recovery: Meloni, ‘Parlamento abbia ultima parola, abbiamo votato su Pnrr Conte’

Condividi questo articolo:

Roma, 8 apr. (Adnkronos) – “Sul tema del Recovery fund e del Pnrr c’è una questione serissima di metodo. Noi abbiamo discusso in Parlamento e votato sul Pnrr di Giuseppe Conte non su quello di Mario Draghi. Il Recovery plan, criticato da tutti, è stata una delle ragioni per le quali il governo Conte è andato a casa. Non credo che Mario Draghi intenda mandare in Europa il Pnrr di Giuseppe Conte, ma se è così c’è un problema, perchè il Parlamento ha discusso di un documento che non è quello che arriverà in Europa e non avrà l’ultima parola sul documento che arriverà in Europa”. Lo ha lamentato Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, intervenendo al convegno organizzato dal partito “Le nuove reti per l’industria italiana e per i consumatori’ .

“Di fronte a 130 miliardi di euro di debiti che stiamo scaricando sui nostri figli per decidere come tentare di risollevare questa nazione dal disastro in cui si trova, immaginare che il Parlamento della Repubblica italiana non abbia l’ultima parola su come su come quei soldi debbano essere spesi, su quali scelte strategiche, è molto grave”, ha aggiunto.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net