ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ue: Fornaro, 'rilanciare welfare per non lasciare indietro nessuno'-Ple: gli auguri del presidente del Senato Casellati-A Baranzate nasce 'InOltre', un hub di servizi sociali in un ex capannone industriale-Basket: Nba, i Lakers cadono a Portland, vincono Jazz, Suns e Sixers-Terzo settore: Nasce a Baranzate ‘InOltre’, hub di servizi sociali in un ex capannone industriale (2)-Covid: Confcommercio, 'spostare coprifuoco poco rilevante, decisivo riaprire locali al chiuso'-Terzo settore: Bracco, ‘Progetto ‘InOltre’ rivela forza di sinergia aziende-istituzioni’-Csm: in corso a Roma interrogatorio pm Storari-Milano: Sala, 'con M5s discussioni amichevoli, ma ognuno correrà con proprio candidato'-Milano: gli anni di piombo, le stragi e i suoi protagonisti, nasce il 'Museo Diffuso Urbano'-Famiglia: Sala, 'da Tajani sciocca semplificazione, realtà è molto complessa'-Milano: Sala, 'difficile che Albertini torni sui suoi passi, io vado avanti per la mia strada'-Basket: Nba, i risultati delle partite-**Arte: il disegno 'Testa di orso' di Leonardo andrà all'asta a Londra l'8 luglio**-**Arte: il disegno 'Testa di orso' di Leonardo andrà all'asta a Londra l'8 luglio** (2)-**Arte: il disegno 'Testa di orso' di Leonardo andrà all'asta a Londra l'8 luglio** (3)-Milano: Sala, 'siamo attenti, giusto stare in piazza, ma serve ancora prudenza'-Libia: le prime parole del comandante ferito a Mazara 'Sono vivo'-Libia: l'abbraccio del comandante ferito con i familiari-Covid Germania, superati i 3,5 milioni di contagi da inizio pandemia: le news

**Recovery: domani Pnrr in Cdm, gelo ministri su gestione dossier**

Condividi questo articolo:

Roma, 23 apr. (Adnkronos) – C’è malumore tra i ministri alla vigilia del Cdm chiamato a confrontarsi sul testo del Recovery plan. Questa mattina Il Foglio ha anticipato l’introduzione del Pnrr a firma del premier Mario Draghi, ma gran parte dei membri dell’esecutivo non aveva ancora visto le 318 pagine del Piano che, da qui al 2026, dovrà far ripartire il Paese. Nella giornata di ieri era circolata una sintesi -16 pagine e 9 tabelle- estremamente stringata, messa a punto dal Mef, unico documento nelle mani dei ministri e condiviso nella cabina di regia che si era tenuta in mattinata. Del testo definitivo nemmeno l’ombra. Così oggi la fuga di notizie avrebbe indispettito molti, anche a Palazzo Chigi.

“Sono stati fatti incontri coi partiti, maggioranza e opposizione -lamenta un ministro all’Adnkronos- e il piano non si è visto, solo modalità ascolto. E ora, a poche ore dal Cdm, devo leggerlo su stampa a agenzie? Se fosse successo con Conte sarebbe venuto giù il mondo”. Il malumore sarebbe trasversale, anche se nessuno esce allo scoperto. Un mal di pancia che si unisce ai dubbi sul dl aperture, un decreto che scontenta la Lega -che ora deve far i conti anche con l’addio alla riforma ‘quota 100’ messo nero su bianco nel Pnrr- ma lascia delusi anche i forzisti, i renziani e il fronte dei governatori.

Ora si attende il confronto di domani, che non sarà accompagnato da un voto del Cdm. Prima il passaggio alle Camere, lunedì e martedì, poi un nuovo Consiglio dei ministri per il via libera prima dell’invio del testo a Bruxelles. La deadline resta quella del 30 aprile.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net