ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Roma, Grossi: "Cultura centrale per sviluppo, lo è da sempre per la Capitale"-Sicilia: Rotondi, 'sforzo di Cuffaro va sostenuto'-Roma, Saliola (Manageritalia): "Serve promozione e commercializzazione del marchio"-Roma: Tanzilli (Federalberghi): "Puntare su grandi eventi, sfida da non perdere"-Roma, Saliola (Manageritalia): "Per offerta turistica integrata serve Destination manager"-Saliola (Manageritalia): "A Roma nel 2025 terziario avrà incidenza pari a 87% valore aggiunto"-Saliola (Manageritalia): "Roma ha sempre saputo innovare, centrale ruolo terziario"-Motomondiale: Marquez, 'ammirazione per Rossi, non siamo amici ma riconosco suoi meriti'-Tennis: Roland Garros, esordio contro Tsitsipas per Musetti, Sinner trova un qualificato-Calcio: Trentalange, 'tutta l'Aia al fianco degli arbitri italiani selezionati per i mondiali'-**Ricerca: anche gli scienziati scherzano, 110 'beffe da Nobel' ne 'Il pollo di Marconi'**-**Governo: 'richiamo' Draghi su tempi Pnrr 'è priorità', ddl concorrenza in aula entro maggio**-Tennis: Roland Garros, Giorgi esordisce con Zhang e Bronzetti con Ostapenko-Roma, Mottura (Atac): "Pronti ad attuare nel 2022 Tap and Go su tutti i mezzi di superficie"-**Dl concorrenza: Giorgetti, 'trattativa in fase avanzata, spero si chiuda presto'**-Roma, Celli: "Bene proposte Manageritalia per Capitale, serve rilancio per futuro"-Ddl concorrenza: Draghi in Cdm, se non si rispettano tempi a rischio Pnrr-Tennis: Wta Rabat, Bronzetti raggiunge Trevisan in semifinale-Ucraina: la Camera ha approvato il Dl bis-Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

Quirinale: pressing partiti ‘serve iniziativa’, e Draghi fa la ‘mossa’, contatti con i leader (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – E se la ‘mossa’ di Draghi porta a sperare molti che la partita possa risolversi già alla terza chiama – “un Presidente eletto dai più è l”obiettivo”, assicura chi nel governo segue da vicino la partita – il timore è che il confronto con i leader possa ostacolare ancor più la corsa al Quirinale. Perché le posizioni sono distanti e già dal primo incontro di giornata – quello con Salvini – i rumors riportano di partiti pronti ad alzare la posta. E rimettere mano alla squadra di governo, se Draghi dovesse tirare dritto per il Quirinale, porta in sé tante, troppe insidie. Oltre al rischio di mandare in fibrillazione le due coalizioni e i singoli partiti.

Questo articolo è stato letto 6 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net