ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Mafia: decapitata famiglia di Mazzarino, ramificazioni anche nel milanese-Onu: Draghi, 'riflettere su futuro missioni internazionali ma restano essenziali'-Onu: Draghi, 'Ue consolidi ruolo in operazioni pace'-Libia: Draghi, 'garantire elezioni 24/12, piena attuazione cessate fuoco'-Migranti: Draghi all'Onu, 'risposta sia comune, oneri e responsabilità condivisi'-Onu: Draghi, 'riforma per Consiglio sicurezza più rappresentativo e responsabile'-Covid: Draghi all'Onu, dopo un anno e mezzo ottimismo, fiducia grazie a vaccini-Covid: Draghi, in Paesi poveri vaccini solo per 2%, disparità inaccettabili-Covid: Draghi, contraccolpi maggiori per Paesi poveri, a rischio anni lotta a povertà-Covid: Draghi, 'da Fmi 650 mld contro crisi, impegno per aumentare 33 mld per Africa'-Onu: Draghi, 'pronti a iniziative più ambiziose per Paesi poveri, aiutare Africa'-Clima: Draghi, 'tra 2030 e 2050 rischio 250mila vittime, agire ora-Clima: Draghi, 'transizione costa ma opportunità, 40 mln posti lavoro entro 2050'-Clima: Draghi all'Onu, 'da giovani spinta, ascoltiamoli, erediteranno pianeta'-Afghanistan: Draghi all'Onu, 'evitare torni a essere minaccia sicurezza internazionale'-Afghanistan: Draghi all'Onu, 'impegno per risoluzione crisi, serve coesione'-Afghanistan: Draghi, 'su rifugiati Italia pronta a sostenere anche Paesi limitrofi'-Afghanistan: Draghi all'Onu, 'Italia prepara vertice G20 straordinario'-Afghanistan: Draghi all'Onu, governo non inclusivo, dimostri con fatti non parole-Onu: Draghi, 'rilanciare multilateralismo per affrontare sfide nostro tempo'

Papa: società con al centro interessi e non persone non genera vita

Condividi questo articolo:

Città del Vaticano, 1 ago. (Adnkronos) – “Quando cerchiamo soprattutto il soddisfacimento dei nostri bisogni, rischiamo di usare le persone e di strumentalizzare le situazioni per i nostri scopi. E una società che mette al centro gli interessi invece delle persone è una società che non genera vita. L’invito del Vangelo è questo: piuttosto che essere preoccupati soltanto del pane materiale che ci sfama, accogliamo Gesù come il pane della vita e, a partire dalla nostra amicizia con Lui, impariamo ad amarci tra di noi. Con gratuità e senza calcoli. Amore gratuito e senza calcoli, senza usare la gente”. Così Papa Francesco nel corso dell’Angelus da piazza san Pietro.

“Perché cerchiamo il Signore? Quali sono le motivazioni della nostra fede? Abbiamo bisogno di discernere questo, perché tra le tante tentazioni che abbiamo nella vita ce n’è una che potremmo chiamare tentazione idolatrica. È quella che ci spinge a cercare Dio a nostro uso e consumo – sottolinea il Papa – per risolvere i problemi, per avere grazie a Lui quello che da soli non riusciamo a ottenere. Ma in questo modo la fede rimane superficiale e miracolistica: cerchiamo Dio per sfamarci e poi ci dimentichiamo di Lui quando siamo sazi. Al centro di questa fede immatura non c’è Dio, ci sono i nostri bisogni. È giusto presentare al cuore di Dio le nostre necessità, ma il Signore, che agisce ben oltre le nostre attese, desidera vivere con noi anzitutto una relazione d’amore. E l’amore vero è disinteressato, è gratuito: non si ama per ricevere un favore in cambio!”.

“Ci può aiutare una seconda domanda, quella che la folla rivolge a Gesù: ‘Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?’. È come se la gente, provocata da Gesù, dicesse: ‘Come fare per purificare la nostra ricerca di Dio? Come passare da una fede magica, che pensa solo ai propri bisogni, alla fede che piace a Dio?’. E Gesù indica la strada: risponde che l’opera di Dio è accogliere Colui che il Padre ha mandato, cioè accogliere Lui stesso, Gesù. Non è aggiungere pratiche religiose o osservare speciali precetti; è accogliere Gesù nella vita – spiega – vivere una storia d’amore con Gesù. Sarà Lui a purificare la nostra fede. Da soli non siamo in grado. Ma il Signore desidera con noi un rapporto d’amore: prima delle cose che riceviamo e facciamo, c’è Lui da amare. C’è una relazione con Lui che va oltre le logiche dell’interesse e del calcolo”.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net