ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Lavoro, ecco 6 consigli per affrontare al meglio un colloquio in inglese-Guglielmo Marconi, 150 anni fa la nascita di uno dei più grandi inventori della storia moderna-Israele, Hamas: "Giù armi con accordo su 2 Stati". Proteste pro Gaza in campus Los Angeles, 93 arresti-Bce: "Inflazione Eurozona continua a decelerare, crescita in ripresa graduale in 2024"-25 aprile, Meloni: "Con fine fascismo poste basi democrazia". Salvini: "Sempre onorato senza sbandierarlo"-Fiorello: "72% italiani si sente antifascista, l'altro 28% manda curriculum alla Rai"-25 aprile, manifestazioni in tutta Italia: tensioni al corteo a Roma-Francia, cadute le pale del Moulin Rouge a Parigi-25 aprile, a Roma in piazza manifestanti pro Palestina e Brigata ebraica: grida e insulti - Video-Pechino Express 2024, oggi ottava tappa: 5 coppie ancora in gara, chi andrà in semifinale?-Dengue e malaria, boom di casi: è colpa del clima, allarme infettivologi-Disturbi della memoria, scoperto come il cervello distingue e conserva eventi simili-Ucraina, ecco i nuovi missili Atacms: come cambia la guerra-Ucraina, Biden: "Subito armi a Kiev". Missili Atacms già inviati in segreto-Houthi rivendicano attacchi contro due navi Usa e una israeliana-Europee, magistrato Tarfusser si candida: ira Castagna contro Calenda-Enel, intesa con sindacati: 2.000 ingressi in 3 anni-Atalanta-Fiorentina 4-1, nerazzurri in finale Coppa Italia contro la Juve-Spagna, l'annuncio di Sanchez: "Lunedì decido se restare premier"-Assalto Cgil, Cassazione: Appello bis per nove imputati

Mastella: “Mi ha associato a mafia, querelo Calenda. E’ pariolino viziato”

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – "Ho dato mandato di querelare Carlo Calenda. Questo pariolino viziato che gioca a fare il bulletto mediatico non può permettersi di associare il mio nome e la mia storia politica alla mafia. Mentre lui giocava a fare il figlio di mammà, io ho combattuto senza sconti la criminalità organizzata, da ministro della Giustizia. Calenda non capisce nulla di politica, ma non pensavo fosse pure un maestro di maleducato e diffamante dileggio. Ci vedremo in tribunale". Lo scrive in una nota il sindaco di Benevento, Clemente Mastella, dopo il post di oggi pubblicato da Calenda sulla composizione delle liste di Matteo Renzi con Emma Bonino. Per il leader di Azione, si legge su Twitter, "non ha alcun senso portarsi dietro, sia pure per interposta persona, Cuffaro, Cesaro e Mastella. La cultura della mafia è l'opposto dei valori europei". "Se Calenda studiasse al posto di fare l'odiatore social, saprebbe che da cattolico sono stato fautore e diretto protagonista di storiche battaglie care alla cultura radicale. Recependo la lezione di Giovanni Paolo II, sono stato da Guardasigilli il promotore dell'ultimo indulto che sia stato portato a termine in Italia", continua nella nota Mastella. "Lo annunciai a Regina Coeli il 2 giugno del 2006, nel carcere dove anche De Gasperi era stato recluso, con accanto la figlia Maria Romana, per sottolineare la connessione tra laicità solidale e cattolicesimo caritatevole. E alla condizione delle carceri io e mia moglie abbiamo sempre dedicato attenzione ed energie, come sempre hanno fatto in verità i Radicali".  Il sindaco di Benevento incalza: "Renzi ha miracolato il pariolino con cariche importanti come quella di ambasciatore e ministro sottraendolo dall'anonimato cui era destinato. Calenda ha ripagato Renzi con perfidia e ingratitudine. Per me resta il ragazzotto cui affidavo le mie segnalazioni per il Cis di Nola: disse che mi avrebbe querelato ma non lo fece, perché è la verità. Stavolta non basterà l'intercessione di un avvocato comune amico che mi chiese con insistenza di ritirare la querela, ho il dovere di portarla avanti e non arretrerò di un millimetro per rispetto alla mia famiglia, alla mia etica e ai miei elettori", conclude Mastella. "Se ha il coraggio rinunciasse all'immunità parlamentare". —politicawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

adnkronos, ultimora

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net