ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Lombardia: da Regione ok norme aggiuntive per infermieri e assistenti sanitari (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – L’operatività viene garantita dal comitato esecutivo vaccinazioni, di cui fa parte la direzione generale Welfare che coordina le Ats nell’attuazione del processo di vaccinazione sui territori. Nelle quali sono coinvolti operatori pubblici e privati, medici di medicina generale (Mmg) e pediatri di libera scelta, cooperative di Mmg e farmacie.

Di seguito le prestazioni aggiuntive in materia di vaccinazioni:

– sono remunerate con la tariffa oraria pari a 50 euro lordi omnicomprensivi ai fini Irpef, al netto degli oneri riflessi a carico dell’amministrazione. II compenso può essere erogato per prestazioni effettuate anche prima della sottoscrizione dell’accordo, a decorrere dal 1° gennaio 2021, a quanti hanno dovuto necessariamente svolgere prestazioni aggiuntive per garantire l’attività vaccinale, previa motivazione dell’azienda sull’impossibilità di far svolgere l’attività in ambito istituzionale;

– sono consentite al personale infermieristico e agli assistenti sanitari (art.1 comma 464 della legge 178/2020);- sono riconosciute solo al personale che presta attività sanitaria di vaccinazione;

– sono riconosciute per turni di almeno 3 ore;- devono garantire una corretta proporzione tra l’attività istituzionale e l’attività incentivata;

– sono consentite anche agli Irccs di diritto pubblico (analogamente alle Ats e Asst) con riferimento al personale infermieristico e agli assistenti sanitari nell’ambito dell’attività vaccinale.

Al restante personale del comparto, se coinvolto nella campagna vaccinale, potranno ora essere riconosciute ore aggiuntive incentivate, nell’ambito della contrattazione aziendale e nelle modalità consentite dalla normativa vigente, senza attingere dai fondi contrattuali.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net