ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Livi (Q8): "Un piacere contribuire a restauro opera che racconta bene inclusività"-Bollette: Draghi, 'partita difficile, ma aumento prezzo gas credo temporaneo'-Champions, Tardelli: "Vittoria convincente dell'Inter, ora serve successo in trasferta"-Migranti: Draghi, 'approccio governo efficace e umano o creeremo dei nemici'-Bollette: Draghi, 'partita difficile, ma aumento prezzo gas credo temporaneo' (2)-Pd: Letta, 'dati su voto giovani incoraggianti, siamo sulla buona strada'-**Ue: Dragi, 'difesa comune inevitabile, Stati soli non possono farcela'**-Ue: Draghi, 'non è solo per bisogno che si sta in Europa ma per realismo'-Polonia: Draghi, 'Ue sta reagendo con fermezza, pieno sostegno'-Torna a splendere urna etrusca grazie a collaborazione fra Q8 e Museo di Villa Giulia-Tennis: ministro immigrazione Australia, 'accesso consentito solo con 2 dosi di vaccino'-**Calcio: alcune federazioni europee valutano l'uscita dalla Fifa con Mondiale biennale**-Calcio: Collovati, 'vittoria su Sheriff dà fiducia a Inter, qualificazione in Champions alla portata'-Chirurgia, Marco Scatizzi eletto nuovo presidente Acoi-Migranti: Casa Impastato, 'raccolta fondi per Mimmo Lucano'-Tardelli, 'vittoria convincente dell'Inter, ora serve successo in trasferta'-Ue: Draghi, 'senza intervento Stato transizione digitale-ecologica non si fa'-Migranti: Draghi, 'ora piano d'azione Ue chiaro e adeguatamente finanziato'-Mafia: Palermo, al via nuova edizione Progetto educativo antimafia del centro Pio La Torre-Migranti: Draghi, 'chiederò punto su impegni assunti in ogni Consiglio Ue'

Green pass obbligatorio lavoratori, nodo smart working

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – Lo smart working agita la cabina di regia, la riunione che si è tenuta in mattinata tra il premier Mario Draghi e i capi delegazione delle forze di maggioranza sul green pass obbligatorio per tutti i lavoratori pubblici e privati. A quanto apprende l’Adnkronos, il tema del lavoro da casa è stato al centro di “una simpatica discussione”, riferiscono fonti presenti alla riunione, tra il ministro Renato Brunetta, capo delegazione di Fi, e il grillino Federico D’Incà, ‘nuovo’ all’appuntamento della cabina di regia, presente in sostituzione di Stefano Patuanelli, impegnato a Firenze.

D’Incà, in estrema sintesi, a sostegno dell’esclusione dell’obbligo di passaporto vaccinale per chi è in smart working, Brunetta, al contrario, convinto della necessità di includere, nell’estensione del green pass, anche i dipendenti che lavorano da casa. Il timore per il titolare della P.A. è che, una volta introdotto l’obbligo, la ‘rotazione’ tra chi è casa e chi invece si reca sul posto di lavoro finisca per gravare su chi è in regola con i vaccini, agevolando, al contrario, chi è sprovvisto di certificazione. Giustificando i ‘no green pass’, in estrema sintesi, a lavorare da casa.

Alla fine il nodo non sarebbe stato sciolto, o sarà nelle prossime ore. La convinzione, però, è che alla fine si decida per una formula ibrida, con green pass necessario se la presenza in ufficio è prevista dal datore di lavoro. Anche a rotazione.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net