Fmi: taglia stime ripresa Italia, Pil 2021 solo a +3%

Condividi questo articolo:

Roma, 26 gen. – (Adnkronos) – Il prolungarsi della seconda ondata e le incertezze che persistono sull’uscita dalla crisi pandemica spingono il Fondo Monetario Internazionale ad abbassare nettamente la stima della ripresa attesa nel 2021 per l’economia italiana: dopo un 2020 che – secondo l’Fmi – dovrebbe essersi chiuso con -9,2%, il rimbalzo del nostro Pil viene ‘tagliato’ a +3,0% con una revisione in calo di 2,2 punti, il calo più forte fra tutte le principali economie considerate nell’aggiornamento del World Economic Outlook, appena diffuso. Revisione in rialzo di 1 punto, invece, per il 2022, con un Pil italiano visto a +3,6%.

L’entità della ripresa attesa dal Fondo per l’Italia è peraltro la più bassa fra le principali economie, affiancata solo dalla previsione per la Germania che nel biennio 2021-22 dovrebbe registrare rispettivamente +3,5 e +3,1% ma dopo avere limitato la contrazione dello scorso anno al -5,4%. Lontanissime la Francia (–9,0% nel 2020 e nel biennio +5,5 e +4,1%) e soprattutto la Spagna che pur avendo fatto registrare lo scorso anno un crollo del Pil dell’11,1 quest’anno dovrebbe risalire a +5,9 e confermare la ripresa nel 2022 a +4,7%, in pratica tornando vicina ai valori pre-crisi.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net