Fase 2: sindacati edili Palermo, ‘gravi inadempienze per lavoratori Coime’

Condividi questo articolo:

Palermo, 25 mag. (Adnkronos) – I segretari degli edili di Feneal Uil Tirrenica, Filca Cisl Palermo Trapani e Fillea Cgil Palermo esprimono “forte preoccupazione sulla gestione dei lavoratori comunali del Coime rispetto alle norme restrittive scattate per l’emergenza Covid-19”. Alla ripresa delle attività, i sindacati si sono recati nei principali cantieri del Coime “riscontrando diverse criticità, come la mancanza delle dotazioni dei dispositivi individuali di protezione. A distanza anche di 10 giorni dalla dichiarazione di lockdown, gli uffici di diverse ripartizioni o settori, nonostante le ripetute segnalazioni delle organizzazioni sindacali, non avevano impartito, attraverso i dirigenti preposti, molte volte irreperibili, le disposizioni di servizio al personale dipendente che continuava a recarsi nei luoghi di lavoro spesso affollati in barba al distanziamento sociale”. 

I sindacati sottolineano anche come “lo stesso personale dipendente ha continuato a prestare servizio senza avere ricevuto i dispositivi di protezione individuali e, laddove i dispositivi erano stati forniti, presentavano caratteristiche non conformi alle prescrizioni di legge e comunque non era assicurato il ricambio continuo previsto”. I sindacati hanno chiesto subito all’amministrazione di provvedere all’adozione e al conseguente rispetto del protocollo di sicurezza, nonché all’istituzione del comitato di verifica, “ma  anche in questa circostanza, abbiamo registrato un nulla di fatto”.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net