ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Qatar 2022: Uruguay ko con una doppietta di Bruno Fernandes, il Portogallo vola agli ottavi-Calcio: Juventus, si dimette il Cda, lascia anche il presidente Agnelli-**Qatar 2022: gruppo H, Portogallo-Uruguay 2-0 e lusitani agli ottavi**-Qatar 2022: invasore di campo con bandiera arcobaleno durante Portogallo-Uruguay-Qatar 2022: Tite, 'vittoria di gruppo, Casemiro miglior centrocampista al mondo'-Calcio: sorteggiato il 3° turno di FA Cup, spicca Manchester City-Chelsea-Pallavolo: Europei, domani a Bari presentazione della fase in programma al Palaflorio-Qatar 2022: gruppo H, Portogallo-Uruguay 0-0 alla fine del primo tempo-Allergologi: "Problema tariffe, senza decreto a rischio diagnostica pubblica"-Lombardia: Roth (Apl), 'Pedemontana lombarda nuovo paradigma di trasporto'-Olimpiadi: dal 1° dicembre in vendita i biglietti dei Giochi di Parigi 2024-Recuperato il corpo del terzo fratellino, si continua a scavare-Cecchi (Aaiito): "Con lo smog più ricoveri e morti per malattie respiratorie"-Qatar 2022: Casemiro, 'partita noiosa ma l'importante era qualificarci agli ottavi'-Cecchi (Aaiito): "Con lo smog più ricoveri e morti per malattie respiratorie"-Pnrr: Messina (Intesa Sp), 'la più grande opportunità per realizzare balzo economia'-Qatar 2022: le formazioni ufficiali di Portogallo-Uruguay-Università Iulm, "La sfida etica dell’Intelligenza artificiale"-Calcio: Glasgow Rangers, Beale è il nuovo allenatore-Qatar 2022: Svizzera battuta da un gol di Casemiro, il Brasile vola agli ottavi

**Elezioni: Conte tiene e tallona Pd, ‘resuscita’ M5S e sfiora il 16%**

Condividi questo articolo:

Roma, 26 set. (Adnkronos) – Tiene il M5S, dato per morto solo fino a qualche settimana fa. Tallona il Pd – avanti di un soffio – supera la Lega e si piazza al terzo posto, stando almeno alle prime proiezioni. Lontani, certo, i risultati del 2018, quando il M5S centrò il 33% diventando il primo partito d’Italia. Ma in questi cinque anni è successo l’impensabile: Luigi Di Maio ha guidato una scissione senza precedenti, i big sono stati ‘rottamati’ per tenere fede alla regola dei due mandati, Giuseppe Conte ha acceso la miccia di una caduta di governo inattesa e dolorosa- solo per citare i ‘terremoti’ più recenti.

Al quartier generale grillino di via di Campo Marzio -dove a urne ancora aperte preoccupavano e non poco i numeri sull’affluenza al Sud – il bicchiere è mezzo pieno: il risultato delle prime proiezioni -che davano il M5S vicino al 17%- vengono accolte con applausi e grida di giubilo. L’ex premier temporeggia, arriva in sede poco prima dell’una accolto anche lui dal caloroso applauso dei suoi, si chiude in stanza con il suo staff e una manciata di ‘fedelissimi’, compresi il presidente della Camera Roberto Fico, giunto poco prima di lui, e il ministro Stefano Patuanelli.

Al momento tace anche Beppe Grillo, che ha mancato l’appuntamento di chiusura della campagna elettorale. Nell’attesa, Rocco Casalino si intrattiene con i cronisti e fa di conto: “a quanto stiamo se sommiamo i nostri numeri con quelli del Pd? Avremmo tenuto testa al centrodestra…”. Ma in realtà tra i vertici del Movimento è granitica la convinzione che il risultato sarebbe stato un altro, di gran lunga inferiore, se il ‘matrimonio’ con i dem avesse retto.

Ed è sempre il Pd in queste ore a restare nel mirino del M5S, che sull’ex alleato ha giocato parte di una campagna elettorale che si è rivelata senz’altro incisiva. Ad affondare è il vicepresidente del M5S, Riccardo Ricciardi, tra i primi a mettere la faccia sugli exit poll, a una manciata di minuti dalla chiusura dei seggi. “Il Pd ha la responsabilità politica della vittoria del centrodestra – la stilettata -. Ha chiuso la porta al M5S, ha portato avanti una pessima gestione della fase delle alleanze. Letta deve fare mea culpa. Con il M5S ha chiuso ogni possibilità di coalizione” e “pagherà in termini di voto”.

Anche l’altro vicepresidente, Michele Gubitosa, non la tocca piano. “Fino a poche ore fa ci davano per morti – dice – se i numeri venissero confermati per noi questa sarebbe una rimonta importante. Ma un altro dato è che il centrodestra ha vinto, il Pd deve farsi qualche domanda. Ha impostato la sua politica su un’agenda Draghi che non c’era, abbandonando i cittadini e i temi che stanno loro a cuore”. Intanto in sala stampa i cronisti -un centinaio gli accreditati tra giornalisti, operatori e fotografi – attendono che Conte dica la sua. Ma non c’è dubbio che anche l’ex premier affonderà sull’alleato di un tempo, addossando ai dem la responsabilità politica della vittoria del centrodestra.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net