ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Mafia: decapitata famiglia di Mazzarino, ramificazioni anche nel milanese-Onu: Draghi, 'riflettere su futuro missioni internazionali ma restano essenziali'-Onu: Draghi, 'Ue consolidi ruolo in operazioni pace'-Libia: Draghi, 'garantire elezioni 24/12, piena attuazione cessate fuoco'-Migranti: Draghi all'Onu, 'risposta sia comune, oneri e responsabilità condivisi'-Onu: Draghi, 'riforma per Consiglio sicurezza più rappresentativo e responsabile'-Covid: Draghi all'Onu, dopo un anno e mezzo ottimismo, fiducia grazie a vaccini-Covid: Draghi, in Paesi poveri vaccini solo per 2%, disparità inaccettabili-Covid: Draghi, contraccolpi maggiori per Paesi poveri, a rischio anni lotta a povertà-Covid: Draghi, 'da Fmi 650 mld contro crisi, impegno per aumentare 33 mld per Africa'-Onu: Draghi, 'pronti a iniziative più ambiziose per Paesi poveri, aiutare Africa'-Clima: Draghi, 'tra 2030 e 2050 rischio 250mila vittime, agire ora-Clima: Draghi, 'transizione costa ma opportunità, 40 mln posti lavoro entro 2050'-Clima: Draghi all'Onu, 'da giovani spinta, ascoltiamoli, erediteranno pianeta'-Afghanistan: Draghi all'Onu, 'evitare torni a essere minaccia sicurezza internazionale'-Afghanistan: Draghi all'Onu, 'impegno per risoluzione crisi, serve coesione'-Afghanistan: Draghi, 'su rifugiati Italia pronta a sostenere anche Paesi limitrofi'-Afghanistan: Draghi all'Onu, 'Italia prepara vertice G20 straordinario'-Afghanistan: Draghi all'Onu, governo non inclusivo, dimostri con fatti non parole-Onu: Draghi, 'rilanciare multilateralismo per affrontare sfide nostro tempo'

Dl Semplificazioni bis, Fond. Inarcassa: “Sì a rotazione affidamenti sotto 139mila euro”

Condividi questo articolo:

Roma, 2 ago. (Adnkronos/Labitalia) – “Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del decreto legge ‘semplificazioni bis’ 77/2021. Nel corso dell’esame in prima lettura alla Camera è stata introdotta una correzione in riferimento agli affidamenti diretti sotto la soglia dei 139 mila euro. Nel rispetto del principio di rotazione, la stazione appaltante farà ricadere la scelta su quei soggetti in possesso di pregresse e documentate esperienze analoghe a quelle oggetto di affidamento. Altre modifiche di interesse della professione riguardano le procedure di accesso al superbonus. Confermato, invece, l’appalto integrato fino al 30 giugno 2023 e, in relazione ai progetti del pnrr, sarà possibile utilizzare l’istituto già dal progetto di fattibilità tecnica ed economica”. E’ quanto si legge in una nota della Fondazione Inarcassa.

“Sicuramente – commenta il presidente della Fondazione Inarcassa, Franco Fietta – accogliamo con favore la correzione introdotta durante l’iter di conversione alla Camera che riguarda gli affidamenti diretti sotto la soglia dei 139 mila euro. E’ una misura che abbiamo proposto in audizione alla Camera a giugno scorso e siamo soddisfatti che il legislatore l’abbia introdotta nel provvedimento in via definitiva. In quella sede avevamo, infatti, sottolineato che, in assenza di una opportuna e auspicata correzione, l’aumento degli importi dell’affidamento diretto avrebbe consentito a taluni professionisti, anche dipendenti, di ottenere incarichi in assenza di specifici requisiti organizzativi e di professionalità”.

“Il risultato, purtroppo, lo avrebbero pagato – avverte – i cittadini in termini di scarsa qualità della proposta progettuale e, di conseguenza, di sicurezza dell’opera. Altre modifiche positive interessano la disciplina del superbonus soprattutto per quanto riguarda l’ulteriore allargamento dell’ambito di applicazione”.

“Invece, – sottolinea – in materia di appalto integrato il legislatore in sede di conversione, non ha avuto il coraggio di apportare le giuste modifiche. La conferma della sospensione del divieto di appalto integrato fino al 30 giugno 2023, nonché l’estensione, nell’ambito delle opere finanziate con il pnrr, dell’istituto a partire dal progetto di fattibilità tecnica ed economica, non è certamente una buona notizia per gli architetti e ingegneri liberi professionisti”.

“L’appalto integrato – osserva – non assicura tempi certi, e più brevi, della fase progettuale, né minore spesa pubblica. Occorre garantire l’indipendenza del progettista attraverso una separazione del momento della fase progettuale da quella esecutiva”.

“E ciò – precisa il presidente della Fondazione Inarcassa – nell’interesse della Pubblica amministrazione, della qualità della progettazione e della trasparenza delle procedure. Per i motivi espressi, nel complesso, ci riteniamo poco soddisfatti delle misure introdotte dal nuovo decreto appena convertito in legge”.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net