ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Casarini: "Esposto contro ammiraglio, ammette cooperazione con chi deporta i migranti"-Libia: Casarini, 'esposto contro ammiraglio che ammette cooperazione con chi fa deportazioni' (2)-Libia: Casarini, 'esposto contro ammiraglio che ammette cooperazione con chi fa deportazioni' (3)-Libia: Casarini, 'esposto contro ammiraglio che ammette cooperazione con chi fa deportazioni' (4)-Sport e Salute: Cozzoli, 'collaborazione con enti locali per vincere sfida nostri giorni'-Farmaci, in Italia 50% pazienti cronici over 65non si cura in modo corretto-Milano: chiama il 112 e minaccia di suicidarsi, studente tratto in salvo-Milano: chiama il 112 e minaccia di suicidarsi, studente tratto in salvo (2)-**Covid: Marcuzzi, 'mio marito positivo a virus, io negativa ma domani non sarò a Le Iene'**-Trieste: poliziotti uccisi, periti a lavoro su stato salute Meran, udienza 10 maggio-**Roma: l'ironia di Battista, 'Raggi scambia Nimes per Colosseo? Beh dai, però era simile!'**-Marcuzzi salta Le Iene domani, il marito positivo al Covid-La rivoluzione elettrica firmata Dacia Spring-Covid: Boccia, 'rispetto per chi protesta ma che c'entra Casapound?'-**Comunali: da Iv ok a Letta su primarie, 'pronti a correre a Bologna e Napoli'**-Tennis: Atp Montecarlo, Musetti fuori al primo turno-Moda: Sergio Tamborini nuovo presidente designato Smi-Ricerca: Gotor, 'Carrozza a Cnr nella notizia'-Edilizia, Di Franco (Fillea): "Settore invecchiato, attrarre giovani con Carta Identità Edile"-Covid Lazio, oggi 1.057 contagi. A Roma 500 casi. Dati 12 aprile

Covid: Confestetica, ‘o tutti i trattamenti estetici o nessuno, no disparità trattamento’

Condividi questo articolo:

Roma, 27 feb. (Adnkronos) – “O tutti i trattamenti estetici o nessuno! La salute pubblica al primo posto ma senza disparità di trattamento e sviamento della clientela”. A sostenerlo in una nota è Confestetica. “Basta con questa disparità di trattamento verso un settore che coinvolge 80mila dipendenti donne e un servizio alla persona irrinunciabile per 13 milioni di donne. Protocolli di sicurezza e igienico sanitari molto rigidi, cabine singole, numerosi dispositivi di sicurezza adottati sempre, anche prima dell’arrivo della pandemia. Aspettando il nuovo Dpcm, anche la sentenza del Tar del Lazio, del 16 febbraio, ha riconosciuto l’attività dell’estetista sicura ed essenziale per la cura della persona”, sottolinea.

Le estetiste, oltre ad erogare servizi essenziali alla persona in sicurezza, sottolinea ancora, “eseguono anche dei trattamenti di epilazione con laser o luce pulsata. Questi trattamenti possono venire eseguiti sia da un medico estetico che dall’estetista. Non capiamo perché un medico può fare gli stessi trattamenti con gli stessi strumenti in zona rossa, in piena emergenza sanitaria, e un’estetista no. Le estetiste, ancor prima dell’arrivo della pandemia, hanno da sempre lavorato, in cabine singole e solo su appuntamento, adottando protocolli igienico sanitari molto più rigidi rispetto a qualsiasi altra attività lavorativa. La categoria tra le più virtuose sul piano della sicurezza della clientela e del personale stesso dei centri”.

Chiudere nuovamente queste attività, dopo che il Tar le ha fatte riaprire, aggiunge Confestetica, “sarebbe la fine di questo settore, un disastro economico e sociale di proporzioni bibliche. Senza contare il disservizio che daremmo, nuovamente, a 13 milioni di donne, clienti dei centri estetici, che non hanno potuto, già per diversi mesi, prendersi cura della propria igiene personale essenziale. E che ora per ricevere questi trattamenti, si rivolgerebbero dal medico estetico, con evidente sviamento della clientela”.

Questo articolo è stato letto 5 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net