ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
A Baranzate nasce 'InOltre', un hub di servizi sociali in un ex capannone industriale-Basket: Nba, i Lakers cadono a Portland, vincono Jazz, Suns e Sixers-Terzo settore: Nasce a Baranzate ‘InOltre’, hub di servizi sociali in un ex capannone industriale (2)-Covid: Confcommercio, 'spostare coprifuoco poco rilevante, decisivo riaprire locali al chiuso'-Terzo settore: Bracco, ‘Progetto ‘InOltre’ rivela forza di sinergia aziende-istituzioni’-Csm: in corso a Roma interrogatorio pm Storari-Milano: Sala, 'con M5s discussioni amichevoli, ma ognuno correrà con proprio candidato'-Milano: gli anni di piombo, le stragi e i suoi protagonisti, nasce il 'Museo Diffuso Urbano'-Famiglia: Sala, 'da Tajani sciocca semplificazione, realtà è molto complessa'-Milano: Sala, 'difficile che Albertini torni sui suoi passi, io vado avanti per la mia strada'-Basket: Nba, i risultati delle partite-**Arte: il disegno 'Testa di orso' di Leonardo andrà all'asta a Londra l'8 luglio**-**Arte: il disegno 'Testa di orso' di Leonardo andrà all'asta a Londra l'8 luglio** (2)-**Arte: il disegno 'Testa di orso' di Leonardo andrà all'asta a Londra l'8 luglio** (3)-Milano: Sala, 'siamo attenti, giusto stare in piazza, ma serve ancora prudenza'-Libia: le prime parole del comandante ferito a Mazara 'Sono vivo'-Libia: l'abbraccio del comandante ferito con i familiari-Covid Germania, superati i 3,5 milioni di contagi da inizio pandemia: le news-Brasile, strage nella favela di Rio: i morti sono 28-Libia: sindaco Mazara, 'incontrerò i ministri Di Maio e Guerini'

**Covid: chef Tomei, ‘proteste ristoratori? le cose vanno sempre peggio’**

Condividi questo articolo:

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – “Le proteste ci sono perché non ci sono riferimenti anche temporali sulle riaperture. Più passa il tempo e più le cose peggiorano. La nostra categoria è una bomba a orologeria”. Lo dice Alessandro Tomei intervistato dall’Adnkronos su ‘IoApro’, il sit-in dei ristoratori di oggi pomeriggio davanti al Parlamento. “Non è facile organizzarsi – sottolinea lo chef – se non si sa con un certo anticipo una data. Ci vuole tempo per organizzarsi, non basta dire ‘apro’”.

“La ristorazione – prosegue Tomei – andrebbe considerata come un’industria del nostro Paese e con tutto questo tempo in cui siamo rimasti chiusi non si potrà pensare, quando riapriremo, di pagare tasse e affitti arretrati. Bisogna che si riconosca che c’è stata una guerra e ci devono agevolare. Non siamo considerati un ‘settore’, invece siamo imprenditori e ‘alti artigiani’: se chiude un’acciaieria, i sindacati si mobilitano perché vanno a spasso centinaia di persone. Mentre noi siamo frammentati e lasciati singolarmente al nostro destino”.

“Non c’è una struttura che tuteli il turismo e la ricezione – conclude – il problema è il frazionamento delle attività, per cui se una chiude non importa a nessuno. In Francia invece un cuoco è considerato una persona socialmente e culturalmente utile. Il cibo in Italia è cultura da mille anni, ma in Francia ha fatto la rivoluzione perfino chi vende le ostriche. Dobbiamo essere tutelati: ad esempio il parmigiano, il formaggio più buono del mondo, all’estero si chiama ‘Parmisan’, mentre il brie si chiama ‘brie’ e non può avere nessun altro nome. Non siamo tutelati affatto, ma mi auguro che da tutto questo prima o poi arrivi qualcosa di positivo”.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net