ULTIMA ORA:

Comunali: per Letta primarie ‘via maestra’, a Roma Calenda non ci sta/Adnkronos (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – La centralità degli iscritti nel Pd di Letta verrà ‘celebrata’ nella prossima assemblea nazionale fissata per sabato. Lì verranno discussi i risultati del vademecum offerto ai circoli. Hanno risposto in 39mila. “Numeri impressionanti e lo dico orgoglioso: 39mila persone si sono connesse, hanno partecipato, hanno discusso. Sono un patrimonio straordinario”, dice Letta. “La nostra forza è questo: la base, i circoli, gli iscritti, una partecipazione sui territori”.

“Lo dirò sabato in assemblea e sarà il cuore del mio intervento: noi siamo e dobbiamo essere il partito dell’intelligenza collettiva, questa è la vera differenza fra noi e gli altri. Noi scommettiamo sul fatto che l’intelligenza collettiva sia meglio della leadership carismatica e individuale, anche perché il leader prima o poi sbaglia…”. Un feedback con la base dem, un modo per recepirne umori e indicazioni che, garantisce Letta, “conteranno” nelle scelte. Vedi il tema lavoro. “E’ la parola ‘lavoro’ più ricorrente nei vademecum, più di 6000 volte la parola ‘lavoro’ è stata declinata”. Ed è proprio questo il tema su cui il Pd intende caratterizzarsi nell’azione di governo.

“Al governo è il tema che dobbiamo presidiare di più, e sarà il tema su cui saremo giudicati”, dice il segretario che anche oggi è tornato ad insistere sulla necessità di un decreto imprese -domani sarà all’odg della segreteria- per un sostegno concreto in attesa che i dati consentano di riaprire. “Basta con il toto-data, non diamo numero al lotto”, avverte Letta. Ma accanto a questo, c’è anche un altro tema su cui il segretario dem non intende mollare: i diritti. Dallo Ius Soli alla legge Zan. “E’ un tema, per noi, non solo per noi identitario a di modernità. La nostra battaglia su questi temi è una battaglia che continueremo con convinzione”. Di tutto questo, del futuro di come essere partito si discuterà nella Agorà democratiche – dal 1° luglio al 31 dicembre, aperte a tutti- che Letta lancerà sabato in assemblea. E che, si spera, potranno anche essere fatte in presenza: “La politica su Zoom non è la stessa cosa…”, dice il segretario che annuncia, appena la pandemia la consentirà, di voler girare l’Italia perché “il Pd non è solo il Nazareno”.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net