ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana

Brunetto: “Epatite Delta va cercata in chi ha epatite B”

Condividi questo articolo:

Roma, 25 nov. (Adnkronos Salute) – “L’epatite Delta è una epatite virale sostenuta dal virus dell’epatite Delta (Hdv) che vive solo in presenza del virus dell’epatite B (Hbv) che lo supporta nella sua diffusione nel fegato, quindi è una co-infezione. Noi dobbiamo ricercare l’infezione da Hdv nel soggetto HBsAg positivo”, cioè con infezione da Hbv. “Il problema è che il soggetto HBsAg positivo che contrae l’infezione delta ha una malattia di fegato molto più rapida, molto più evolutiva, quindi dal punto di vista clinico l’epatite Delta è un’epatite seria, rapidamente evolutiva che può portare alla cirrosi in tempi molto brevi”. Lo ha detto Maurizia Rossana Brunetto, direttore UO Epatologia, Azienda ospedaliero universitaria pisana, a latere dell’incontro dal titolo “L’emersione del sommerso delle malattie infettive in Italia: modelli organizzativi a confronto”, dedicato all’approfondimento di prevenzione, screening e ‘linkage to care’ in virologia, promosso da Gilead Sciences, e realizzato ad Arezzo nell’ambito del Forum risk management.

“Il medico che osserva il soggetto HBsAg positivo – continua la professoressa – deve sospettare la possibilità di un’infezione Delta”. Questa criticità “si può risolvere semplicemente ricercando gli anticorpi contro questo virus, l’anti Delta: se questi sono positivi dovrà ricercare la presenza di un’infezione attiva – ricercando l’Hdv Rna – e, se il soggetto sarà Hdv Rna positivo, dovrà essere valutato dall’epatologo per escludere o confermare la presenza della malattia di fegato”.

L’epatite Delta “è stata scoperta in Italia dal professor Rizzetto negli anni ’70 e per tutti gli anni ’80 e ’90 c’è stata grandissima attenzione di questa malattia – spiega Brunetto – perché sino al 26% dei portatori di Hbv erano antidelta positivi”, quindi avevano l’infezione. “In quell’epoca ci fu un’epidemia di Hdv in Italia. Negli anni successivi grazie anche a misure preventive e alla vaccinazione, i nuovi casi Delta si sono ridotti e, gradualmente, si è persa l’attenzione nei confronti di Hdv”. Oggi “dobbiamo recuperare la memoria di questa condizione – sottolinea l’epatologa – perché nella popolazione dei migranti abbiamo quote anche molto elevate di soggetti con infezione Delta”. Queste persone “vivono in Italia e dobbiamo quindi identificare i soggetti malati per seguirli nel tempo e, speriamo, per trattarli con i farmaci che disponiamo, e dei quali disporremo a breve, che si stanno dimostrando altamente efficaci nel controllare l’evoluzione della malattia”, conclude Brunetto.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net