ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Spiagge: Gasparri, 'bene decisione Regione Calabria su estensioni al 2033'-Covid: Mulè, 'Figliuolo continui a indossare la divisa a testa alta'-Francia: Salvini, 'ha ragione Le Pen, chi entra illegalmente va espulso'-Salone Mobile: presidente Assolombarda, 'subito tavolo congiunto per fare sistema'-Covid, "Gran Bretagna non è più nel mezzo di una pandemia"-Migranti: Battilocchio (Fi), 'per fermare tragedie stop partenze e Piano Marshall per Africa'-Covid: Lollobrigida, 'stop a pass vaccinale dimostra disprezzo regole Governo'-Francia: Meloni, 'un pensiero ai francesi e a familiari vittima'-**Recovery: domani Pnrr in Cdm, gelo ministri su gestione dossier**-Francia: Salvini, 'altro sangue innocente, vicino a famiglia Stephanie e a francesi'-Giustizia: Coppola attacca Gamacchio, 'malagiustizia frutto di logiche di corrente' (2)-Roma: Meloni, 'quando ci incontreremo troveremo accordo per candidato sindaco'-Lombardia: iniziato il 'tour' di Guidesi tra le imprese, prima tappa in Valseriana-**Recovery: Meloni, 'Parlamento dovrà votare a scatola chiusa'**-Recovery: Meloni, 'Parlamento dovrà votare a scatola chiusa' (2)-Recovery, Corso (Polimi): "Imprese in ritardo su e-commerce e big data, serve affiancamento"-Musica: Zucchero, il 14 maggio arriva 'Inacustico d.o.c. & more'-Vitalizi: Perilli, 'nessuna lezione da Formigoni, fieri di nostra battaglia solitaria'-Da startup a leader, per Barò Cosmetics +110% fatturato nel 2020 grazie a online-Msd Italia riconosciuta 'Best workplace 2021'

Un hotel sostenibile per produrre energia e fermare la diffusione del deserto del Gobi

Condividi questo articolo:

Una costruzione che sfrutta il vento, il sole e la sabbia e agisce come un deposito di sementi sotterraneo

 

Il progetto di hotel dell’architetto Margot Krasojevic si muove sull’onda di una lunga ricerca sulla desertificazione e le tempeste di sabbia, argomento che ha spinto progettisti e scienziati di tutto il mondo a cercare una soluzione sostenibile.

Uno dei maggiori problemi del Gobi è proprio il ritmo accelerato con cui le sabbie del deserto espandono: 3.600 km2 di prateria vengono eliminati ogni anno dalle tempeste di sabbia che fanno avanzare sempre di più il deserto. Le cause principali che hanno portato a questa espansione sono la deforestazione, lo sfruttamento eccessivo dei pascoli, l’esaurimento delle risorse idriche e i forti venti provenienti da ovest. Uno dei piani più recenti per il contenimento del problema è la Grande Muraglia Verde cinese, un muro di alberi pensato per aiutare la stabilizzazione del terreno, trattenere l’umidità e fungere da cuscinetto contro la desertificazione.

La costruzione di Margot Krasojevic, invece, per perseguire lo scopo di fermare la diffusione del deserto del Gobi, si comporta come un deposito di sementi sotterraneo che, grazie al cluster di rotazione delle celle fotovoltaiche (i pannelli sono disposti in un modello rotante) combinato con le turbine di sabbia integrate all’interno di una torre che disperde i semi nell’ambiente, crea piantagioni, genera energia pulita da fonte eolica e sfrutta le capacità della sabbia per il mantenimento delle temperature ottimali, l’isolamento e l’accumulo di energia.

L’avveniristica struttura, che potrebbe anche fornire alloggi di edilizia abitativa, è dotata inoltre di pannelli in vetro con filtri olografici che riflettono la luce per aiutare la germinazione e la protezione delle piante contro le condizioni ambientali difficili.

Nella pratica, si tratta di una sorta di una serra rovesciata che può produrre sia energia che cibo.

EC

Questo articolo è stato letto 6 volte.

desertificazione, energia, hotel sostenibile, produrre energia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net