ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Gaza, "Usa chiedono a mediatori pressioni su Hamas per via libera a piano Biden"-Autonomia, su referendum tutte le opposizioni unite: pronti alla raccolta firme-Napoli, incendio sulla collina dei Camaldoli: fiamme lambiscono case-Fiori, bimbi e palloncini: la festa di Kim per Putin come un vecchio film sovietico-Grecia, incendi in tutto il Paese: dichiarato stato di massima allerta-M5S, monta l'insofferenza verso Grillo: "Beppe ci ha stufato"-Euro 2024, Germania-Ungheria 2-0: gol di Musiala e Gundogan-Maturità, il tema dei politici: Giorgetti per la 'guerra fredda', Ciriani e Zangrillo su Ungaretti-Europei scherma 2024, Errigo oro nel fioretto-Mobilità, Di Loreto (Bain&Company): "Oltre 70% spostamenti italiani si effettua in auto"-Mobilità, Vavassori (Anfia): "A due settimane da uscita incentivi, tiraggio molto buono"-Il trapper Shiva a processo: "In carcere compreso errori, voglio solo fare musica"-M5S, post Grillo scuote parlamentari. Baldino: "Non si torni indietro di 15 anni"-Mobilità, Ficili (Stellantis Italy): "Bene incentivi, governo sostenga transizione"-Mobilità, Viano (Aniasa): "Cambiata rotta su incentivi e tornato 100% noleggio"-Consulenti del lavoro: da consigli provinciali piena fiducia in operato Cno-Maturità, le voci contro nel primo giorno d'esame: "Le criticità di sempre"-Putin pilota e Kim navigatore, la coppia nella supercar - Video-Ermal Meta diventa papà, è nata la figlia Fortuna: "Il mio cuore non è mai stato così grande"-Il virologo Anthony Fauci: "Ancora penso che qualcuno possa uccidermi"

Energia: nel 2013, consumi in calo del 3,4%

Condividi questo articolo:

Cala la domanda di energia nel 2013: il fabbisogno è stato di 317 miliardi di Kilowattora,  -3,4% rispetto al 2012. E’ il calo piu’ consistente dal 2009

 

Per il secondo anno consecutivo la domanda di elettricità in Italia registra un segno meno. I primi dati provvisori elaborati da Terna sul fabbisogno di energia elettrica nell’anno  appena concluso fanno segnare una flessione del 3,4% rispetto al 2012, che a sua volta aveva  chiuso con un calo dell’1,9% sul 2011. In termini generali si tratta del calo più consistente da inizio  secolo dopo quello del 2009, quando il decremento sull’anno precedente fu pari al 5,7%.

Il totale dell’energia richiesta in Italia nel 2013 ammonta a 317,1 miliardi di kilowattora. A parità di calendario, la diminuzione è del 3,1% in considerazione del fatto che il 2012 ha avuto un giorno lavorativo in più perché bisestile.

A livello territoriale le flessioni più consistenti si registrano in Sardegna (-16,4%) e nella macroarea del Nord-Ovest (-7,8%) che include Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta. Secondo le prime stime, nel 2013 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’86,7% con produzione nazionale (di cui 56,8% termoelettrica, 16,5% idroelettrica, 1,7% geotermica, 4,7% eolica e 7,0% fotovoltaica) e per la quota restante (13,3%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero. In  dettaglio, la produzione nazionale netta (277,4 miliardi di kWh) è in diminuzione del 3,6% rispetto al 2012. In aumento le fonti di produzione idroelettrica (+21,4%), fotovoltaica (+18,9%), eolica (+11,6%) e geotermica (+1,0%); in calo invece la fonte termoelettrica (-12,0%).

 

Per quanto riguarda invece il mese di dicembre 2013, la quantità di energia elettrica richiesta in Italia, pari a 26,1 miliardi di kWh, ha fatto registrare una flessione del 2,2% rispetto a dicembre dello scorso anno. Depurata dagli effetti di temperatura e calendario, la variazione della domanda elettrica di dicembre 2013 diventa tuttavia -2%. Rispetto al corrispondente mese di dicembre del 2012, si è infatti avuto un giorno lavorativo in più (20 vs 19) e una temperatura media mensile di circa un grado e mezzo superiore. I 26,1 miliardi di kWh richiesti nel mese di dicembre 2013 sono distribuiti per il 45,5% al Nord, per il 29,0% al Centro e per il 25,5% al Sud. A livello territoriale, la variazione della domanda di energia elettrica di dicembre 2013 è risultata ovunque negativa: -2,5% al Nord, -1,8% al Centro e -2,1% al Sud. Nel mese di dicembre 2013 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per l’86,3% con produzione nazionale (-1,8% della produzione netta rispetto a dicembre 2012) e per la quota restante (13,7%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero (-5% rispetto a dicembre 2012). In dettaglio, la produzione nazionale netta (22,7 miliardi di kWh) è calata dell’1,8% rispetto a dicembre 2012. In particolare, è ancora in crescita la fonte di produzione fotovoltaica (+27,1%) mentre risulta in flessione la fonte eolica (-36,9%). Sostanzialmente invariate le fonti idrica e termica. In termini congiunturali, la variazione destagionalizzata della domanda elettrica di dicembre 2013 rispetto al mese precedente (novembre 2013) è risultata nulla. Il profilo del trend si mantiene su un andamento negativo.

Questo articolo è stato letto 15 volte.

domanda elettricità, domanda energia, elettricità, energia

Comments (11)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net