Nel Regno unito un parco eolico offshore da record

Condividi questo articolo:

Potrebbe presto essere costruito nei mari della Gran Bretagna un parco eolico offshore da record: 325 turbine, 770mila abitazioni alimentate da energia pulita e 2.700 posti di lavoro

Le coste del Regno Unito potrebbero ospitare presto nuovi parchi eolici offshore. Due aziende che operano nel settore delle energie rinnovabili, la Vattenfall e la ScottishPower, hanno presentato un progetto per la realizzazione di un parco eolico di grandi dimensioni.

Il parco eolico che potrebbe presto sorgere nei mari inglese potrebbe, infatti, essere il più grande del Mondo: 325 turbine, capaci di alimentare 770mila abitazioni. L’inizio dei lavori potrebbe essere fissato, se il progetto venisse approvato, nel 2016, per essere attivo nel 2018: la costruzione sarebbe affidata alla joint venture East Anglia Offshore Wind (EAOW).

Il progetto del parco eolico offshore che potrebbe presto essere costruito lungo le coste del regno Unito, oltre a fornire energia verde, sarebbe in grado di offrire, durante la fase di costruzione, circa 2.700 posti di lavoro.

La costruzione di novi impianti eolici offshore beneficerà certamente all’ambiente. Anche a quello marino:  una ricerca danese ‘Effetti del parco eolico Horns Rev 1 Offshore sugli stock ittici. Follow up a sette anni dalla realizzazione’, ha scritto che le pale eoliche ben si adattano al mare, che i pesci convivono felicemente con queste strutture estranee e che, proprio grazie all’eolico offshore, diverse specie ittiche sono addirittura aumentate di numero.

(Natale Accetta)

Questo articolo è stato letto 1 volte.

energia eolica, energia pulita, eolico, parco eolico regno Unito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net