Terremoto e tsunami in Giappone

Condividi questo articolo:

Magnitudo del terremoto è 8.8, la costa nord colpita dallo tsunami. Ufficialmente ammessi problemi a 3 reattori nucleari della centrale di Fukuschima: temperatura e pressione sarebbero difficilmene controllabili. Hillary Clinton conferma: il Giappone ha chiesto aiuto agli Usa.

Una scossa di magnitudo 7.9, poi un’altra di 8.9 hanno fatto tremare il Giappone. L’epicentro si trova in mare a 130 km dalla costa Nord Est del Paese, a 24 km di profondità. L’onda anomala si è sviluppata a seguito sulle coste giapponesi e ha raggiunto il mare di Kamaishi, nella prefettura Iwate, toccando inizialmente i 4,20 metri. Chiuse gli aereoporti ed i porti, i treni sono fermi. Secondo la televisione pubblica nipponica Nhk sarebbe emergenza attorno a una centrale nucleare a Fukushima, l’ente che gestisce la centrale ha spiegato che il sistema di raffreddamento del reattore è andato in panne. Il bilancio ufficiale delle vittime parla finora di 378 morti e 584 dispersi, oltre a 950 feriti, ma purtroppo sembra destinato ad alzarsi di molto. Centinaia di corpi privi di vita sono stati rinvenuti sulla spiaggia di Sendai, nella prefettura nord est di Miyagi, colpita da un’onda anomala di più di 10 metri. Non si hanno notizie di 4 treni, non si conosce ancora il numero dei passeggeri. L’emittente Giapponese Nkh mostra le immagini di decine di giapponesi che, sui tetti di palazzi semisommersi dallo tsunami, aspettano i soccorsi.

 Garda il servizio del TG1 

Questo articolo è stato letto 1 volte.

giappone, terremoto, Tokyo, treni, tsunami, vittime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net