Ritorna El Niño, si prospetta il peggio

Condividi questo articolo:

El Niño torna ad abbattersi sulle Regioni del Pacifico tropicale: conseguenze devastanti

 

Torna El Niño nel Pacifico tropicale: il fenomeno meteorologico che dovrebbe portare siccità alternata a piogge torrenziali, inondazioni e più alti livelli del mare, minaccia di essere devastante. Si potrebbero ripetere le stesse condizioni del 1997-98, quando morirono almeno 23 mila persone nei piccoli paesi insulari della regione. A lanciare l’allarme è l’Ufficio Onu per il Coordinamento degli Affari Umanitari, che avverte che ‘El Niño ha il potenziale di far scattare un’emergenza umanitaria regionale e si stima che fino a 4,1 milioni di persone siano a rischio di mancanza di acqua potabile, insicurezza alimentare e malattie, in isole già sotto l’effetto del cambiamento climatico’.

Paesi come Papua Nuova Guinea, Figi, Tonga e Isole Salomone già sentono l’impatto di El Niño con una diminuzione delle piogge che colpisce i raccolti e l’erogazione di acqua potabile’, ha affermato il responsabile per la regione dell’Ufficio stesso, Sune Gudnitz. ‘Allo stesso tempo, i paesi nel sudovest del Pacifico, che hanno popolazioni più numerose, saranno notevolmente più aride e più calde. E le condizioni di siccità già in atto complicheranno ulteriormente la situazione umanitaria in paesi che stanno appena emergendo dalla devastazione dei cicloni tropicali Pam, Mausak e Raquel’.

A peggiorare la situazione sono anche le attuali condizioni dei singoli Paesi a rischio El Niño: lo stato i siccità è stato già dichiarato in 34 province in Indonesia. Vanuatu, invece, cerca di riprendersi dal disastro provocato lo scorso marzo dal ciclone Pam.

 

 

gc

Questo articolo è stato letto 10 volte.

ambiente, El Nino, meteo, piogge torrenziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net