ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
730 precompilato 2024, da oggi si può inviare: come fare, i tempi dei rimborsi-"Britney Spears pericolo per sé e per gli altri", l'allarme sui media Usa-Fidanzati morti in garage a Napoli, il padre di lui si toglie la vita-Ia, Ferri (Ey): "Cambierà l’80% delle professioni nei prossimi cinque anni"-Sostenibilità, concorso EvolveArt: premiate le 8 opere vincitrici-Mahmood, 'Nei letti degli altri' è Disco di Platino-Stop social per under 16 e 'paletti' ai baby influencer: la bozza del ddl-Biden: "Vergognosa richiesta Corte penale internazionale mandato arresto per Netanyahu"-Y7, Ferri (Ey): "E' necessario cambiamento di sistema senza perdere di vista esigenze società"-"Lo chiamate ancora Twitter o X?", la domanda del finto Musk scatena i social-Studentessa romana violentata su nave da crociera, arrestati 3 francesi arrestati-Lavoro, Unobravo: +109,7% malessere psicologico, per 8 italiani su 10 rischio burnout-Ia, Deiana: "Il grande gioco-parte prima, la promessa', il mio libro su scenari trasformazione"-Cannes 2024, il ritorno di Demi Moore con il body-horror 'The Substance'-Controllo qualità farmaci, a Merck Italia gli About Pharma Digital Awards-Ingegneri clinici, 'convegno Aiic di riferimento su tecnologie per Ssn'-Incidente a Barletta, auto contro guardrail: morta bimba di 8 mesi-Ostia, polemiche per chioschi "impacchettati" e lidi storici chiusi-G7, Pelino (Y7): "Periodo storico denso di sfide per giovani"-Food: ecco Streg8, nuovo cocktail con Liquore Strega, Bitter 900 Rosso e Chin8 Neri

Siamo pronti per la prossima pandemia mondiale?

Condividi questo articolo:

Dicono gli esperti che una nuova pandemia potrebbe uccidere 80 milioni di persone nel mondo

Il Global Preparedness Monitoring Board (GPMB) è un gruppo indipendente di esperti che si occupano di emergenze sanitarie globali ed è stato convocato nel 2018 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Banca mondiale per una valutazione dell’attuale preparazione del mondo a una possibile e grave crisi sanitaria. La risposta che è arrivata, in un report di recente pubblicazione, non è proprio incoraggiante. 

Dopo aver tenuto conto di tutto, dalle tendenze politiche emergenti ai cambiamenti climatici, il team ha concluso che «esiste una minaccia molto reale di una pandemia in rapido movimento, altamente letale, di un patogeno respiratorio che potrebbe uccidere da 50 a 80 milioni di persone e spazzare via quasi il 5% dell’economia mondiale». Una pandemia che, a quanto dicono gli autori, sarebbe catastrofica, creerebbe caos, instabilità e insicurezza, qualcosa a cui il mondo, in questo momento, non è affatto pronto.

Ma la domanda è: anche se ora il mondo non è pronto, potrebbe arrivare ad esserlo?
A quanto pare sì. Gli esperti del GPMB pensano che abbiamo ancora tempo per prendere la strada giusta e che prenderla significa agire secondo alcune linee, che loro stessi hanno delineato sotto forma di azioni specifiche che i leader mondiali devono intraprendere. Essi vanno dalla piena attuazione delle normative sanitarie internazionali ai maggiori investimenti nella ricerca e nello sviluppo dei vaccini, passando per l’istituzione di forti sistemi di preparazione nazionali.

«Per troppo tempo», dicono gli autori, «abbiamo ceduto al panico e all’abbandono quando si è trattato di pandemie: dobbiamo intensificare gli sforzi quando c’è una grave minaccia». «Il mondo è a rischio. Ma, collettivamente, abbiamo già gli strumenti per salvare noi stessi e le nostre economie. Ciò di cui abbiamo bisogno è la leadership e la volontà di agire con forza ed efficacia».

 

 

Questo articolo è stato letto 111 volte.

catastrofe, catastrofi, emergenza sanitaria globale, emergenze sanitarie globali, insicurezza, normative sanitarie internazionali, pandemia, vaccini

Comments (37)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net